Trattori agricoli, molti incidenti, troppi morti.

Articolo aggiornato dopo la pubblicazione

Altro che guidare un’auto, una moto o un camion! Il vero pericolo è guidare un trattore. Lo dimostrano i dati registrati dall’ultimo osservatorio Il Centauro-Asaps (Associazione sostenitori amici Polizia stradale), dedicato alle “morti verdi”, quelle causate da incidenti con mezzi agricoli nei campi e su strada.

Si tratta di dati impressionanti: in appena due mesi, dal primo maggio al 30 giugno 2009, ci sono stati nel nostro Paese almeno 60 incidenti che hanno coinvolto trattori (nel 73% dei casi fuori strada e di cui 11 nella sola Emilia Romagna), provocando 20 feriti, ma soprattutto ben 46 morti, inclusi 34 conducenti dei mezzi agricoli. Un tasso di mortalità davvero molto preoccupante.

Ma anche in termini assoluti si tratta di dati che fanno riflettere: c’è stato, infatti, un morto ogni 32 ore. Inoltre basti pensare, per comprendere meglio la gravità del fenomeno, che lo scorso giugno lungo l’intera rete autostradale italiana, dove circolano milioni di veicoli ogni giorno, con percorrenze di centinaia di milioni di chilometri, le vittime mortali sono state 29. Meno delle 31 provocate, nello stesso periodo, dai soli incidenti con trattori!

Ma anche in termini assoluti si tratta di dati che fanno riflettere: c’è stato, infatti, un morto ogni 32 ore. Inoltre basti pensare, per comprendere meglio la gravità del fenomeno, che lo scorso giugno lungo l’intera rete autostradale italiana, dove circolano milioni di veicoli ogni giorno, con percorrenze di centinaia di milioni di chilometri, le vittime mortali sono state 29. Meno delle 31 provocate, nello stesso periodo, dai soli incidenti con trattori!

Fonte: www.quattroruote.it

°°°

Aggiornamento del 10.07.2009

Ho ricevuto una comunicazione dall’Ufficio Stampa Unacoma  (Unione Nazionale Costruttori Macchine Agricole)  – Tel. 06 43298253/254

che pubblico volentieri e che ci permette di conoscere le opinioni in merito di chi le macchine agricole le produce.

Sulle “morti verdi” interviene l’associazione dei costruttori di macchine agricole, denunciando l’obsolescenza del parco. I due terzi delle trattrici circolanti ha oltre vent’anni d’età, ed è fuori da qualsiasi standard di sicurezza. L’Unacoma annuncia l’imminente avvio di un data base molto avanzato, realizzato in collaborazione con Ispesl e Inail.

“Gli incidenti con i trattori sono un problema reale, e lo stiamo denunciando in tutte le sedi. Non si tratta però di trattori nuovi, prodotti a norma di legge, con cabine di protezione, rollbar, cinture di sicurezza e sistemi elettronici di controllo, ma di vecchi “pezzi di ferro’, fuori da ogni standard ma che circolano ancora numerosissimi nelle nostre campagne” Così Massimo Goldoni, Presidente dell’Unacoma, l’associazione di Confindustria che rappresenta i costruttori di macchine per l’agricoltura, commenta le notizie diffuse dall’Asaps (Associazione sostenitori amici polizia stradale) sugli incidenti con i mezzi meccanici agricoli.

Nelle campagne italiane risultano ancora circolanti qualcosa come 1.900.000 trattori (dati Fao), un numero esorbitante, che deriva dall’accumulo di mezzi vecchi che non vengono mai dismessi o rottamati. Se si considera che il mercato nazionale assorbe ogni anno meno di 30 mila trattrici nuove, si capisce come oltre due terzi del totale delle macchine ha più di venti anni d’età, in molti casi anche trenta o quaranta. Macchine obsolete, dunque, per le quali non esiste di fatto alcun sistema di revisione, e che vengono spesso utilizzate dagli stessi agricoltori sottovalutando la pericolosità di mezzi datati e privi dei requisiti minimi di sicurezza.

“L’osservatorio sulle ‘morti verdi’ costituito presso l’Asaps – sostiene Massimo Goldoni – è una iniziativa utile, ma voglio ricordare che sulla questione della sicurezza delle macchine agricole sono impegnati tutti i maggiori enti istituzionali, l’Ispesl, l’Inail, l’Enama (Ente nazionale per la meccanizzazione agricola, capofila della rete europea egli enti certificatori ENTAM), e che sul problema della sicurezza esistono importanti iniziative legislative, come quella proposta agli inizi di aprile dalla Commissione parlamentare d’inchiesta sugli infortuni nel lavoro finalizzata alla sostituzione o messa in sicurezza dei mezzi agricoli”. Una politica per la sicurezza delle macchine agricole, del resto, dovrebbe essere sviluppata a tutti i livelli, anche in sede comunitaria

La situazione degli incidenti in agricoltura – sostiene Unacoma – richiede comunque una base di dati molto più analitica, perché la prevenzione vera si può fare soltanto sapendo l’età esatta delle macchine coinvolte, le loro caratteristiche tecniche, la tipologia di lavorazione, le condizioni d’uso del mezzo, le procedure seguite dal conducente. Proprio a questo fine, l’Unacoma ha presentato in sede nazionale ed europea un progetto per l’adozione di un nuovo protocollo per la schedatura degli incidenti in agricoltura, che costituirà lo strumento d’analisi più avanzato mai utilizzato in Europa.

“Dispiace sentir parlare in modo generico di incidenti con i trattori – conclude Goldoni – perché gli investimenti che le industrie di settore effettuano sono imponenti, e il livello delle attuali tecnologie per la sicurezza e il controllo del comportamento delle macchine è davvero molto elevato”.

About these ads

Una risposta a Trattori agricoli, molti incidenti, troppi morti.

  1. Francesco scrive:

    Purtroppo è una realtà, sebbene se ne parli poco.
    Sentendo racconti e testimonianze di alcuni imprenditori agricoli, di quelli che pestano la terra con i piedi, e di come a volte si svolgono le cose in campagna, con comportamenti a volte leggeri anche da parte di chi ha anni e anni di esperienza, ebbene queste cifre, purtroppo, non mi meravigliano tanto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 186 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: