Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Legambiente premia la Delta e dimentica la Passat. Solo un errore?

Un articolo di Maurizio Caprino

Visualizza questa foto

Guardate bene la pubblicità della nuova Lancia Delta Turbo a Gpl. Troverete una specie di medaglia con il cigno di Legambiente e la scritta secondo cui questa “è la prima vettura con l’etichetta per il clima di Legambiente”.

La “medaglia” vi spiega anche il perché: questa versione della Delta emette “solo” 134 grammi di CO2 al chilometro e perciò merita la “dichiarazione di eco-responsabilità” rilasciata dall’organizzazione ambientalista.

Tutto questo potrebbe portarvi a concludere che per la prima volta un costruttore fa il miracolo di mettere sul mercato una vettura turbo a gas, che per questo unisce due caratteristiche finora inconciliabili: la piacevolezza di guida del turbo ai risparmi e ai tagli di emissioni nocive consentiti dal gas.

Errore: dall’inizio di quest’anno c’è già riuscita la Volkswagen, con la Passat 1.4 turbo a metano. E, almeno sulla carta, c’è riuscita pure meglio: ha un motore di pari cilindrata della Delta, ma riesce a cavarne più cavalli (150 invece di 120) con ancor meno emissioni (124 g/km invece di 134, nonostante sia più grossa e pesante: è una station da 4,75 metri e una tonnellata e mezza anziché una due volumi da 4,5 metri e 1,4 tonnellate).

Per carità di patria, cito solo vetture di categoria paragonabile. Se volessi fare il perfido, chiederei a Legambiente perché non ha messo il cigno sulle nuove ibride Toyota Prius e Honda Insight, di cui più o meno tutti parlano bene.

Inoltre, mi spiace che il nostro costruttore nazionale mi dia ancora materia per criticare la sua pubblicità in materia ambientale (vi ricordate che l’inverno scorso vi scrissi della vicenda delle Bravo “finte” euro 5, su cui è intervenuta l’Antitrust nel silenzio generale?).

Faccio persino l’avvocato di Legambiente e preciso che poi nel sito Lancia loro spiegano che la “medaglia” data alla Delta fa parte di un progetto per promuovere le auto che inquinano meno.

Ma a questo punto chiedo a Legambiente che il progetto si allarghi a tutte le case costruttrici e che vengano chiaramente definiti e resi noti i criteri per aderirvi.

Altrimenti sarà difficile allontanare il sospetto che si tratti di una semplice iniziativa di marketing che fa girare qualche soldo.

Fonte: http://mauriziocaprino.blog.ilsole24ore.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: