Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Donna Nicanora e il negozio di cappelli

Immerso nella foresta e circondato da paludi infestate da coccodrilli, il sonnolento paesino denominato pomposamente Valle de la Virgen è praticamente sconosciuto al resto del mondo. Gli abitanti trascorrono le loro giornate nel solito, monotono trantran. La loro vita non si è rivelata quella che avevano sognato.

Donna Nicanora non ha mai lasciato l’angusta cittadina per viaggiare per il mondo, il barbiere don Cosbo non ha mai sposato la donna che amava e il sindaco è ancora alla ricerca di prestigio e di potere. Ma con l’arrivo di un misterioso straniero, chiamato semplicemente Gringito, all’improvviso sembrano risvegliarsi i sogni di tutti.

Donna Nicanora si impegna a trasformare la bottega di don Cosbo in un negozio di cappelli, il sindaco complotta per trasformare Valle de la Virgen in una meta turistica alla moda, e la vita tranquilla di don Cosbo viene travolta dal riaccendersi della passione.

Solo il Gringito si limita a osservare, seduto sotto un eucalipso, il nuovo corso degli eventi che travolgono inesorabilmente Ville de la Virgen e i suoi abitanti…

“Le guide turistiche citano solo brevemente Valle de la Virgen, limitandosi a menzionare il fatto che, a dispetto dell’innegabile interesse storico e del fascino leggendario, essa rimane una meta turistica pressoché sconosciuta. Una guida ormai fuori commercio sosteneva persino che Valle de la Virgen non fosse altro che una leggenda inventata dai viaggiatori e che in realtà la strada conducesse semplicemente a un impenetrabile acquitrino.”

Fonte: www.illibraio.it

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 15 luglio 2010 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni con tag , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: