Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Opel – Richiamo per Meriva ed Astra

Intervento al sedile del passeggero delle nuove Opel Meriva e Astra: le viti che fissano le guide al telaio del sedile potrebbero essere state temprate in modo non corretto e potrebbero pertanto cedere sotto sforzo.

Viti più robuste. Per questo motivo, la Opel ha richiamato le vetture potenzialmente difettose (794 in Italia) per sostituire le sei viti delle guide del sedile passeggero. La Casa tedesca non ha comunicato le date di produzione degli esemplari di Meriva B e di Astra J interessate dal richiamo.

Intervalli. Il loro numero di telaio, però, può essere compreso per le Astra tra WOL…B8012507 e …B8016159 oppure tra …BG013718 e …BG028039 mentre per le Meriva il numero di identificazione può rientrare tra WOL…B4023636 e …B4061403.

viaOpel – RICHIAMATE ASTRA E MERIVA – Mercato – Quattroruote.

6 commenti su “Opel – Richiamo per Meriva ed Astra

  1. claudio
    3 Maggio 2011

    Domanda: ci sono casi di rottura degli attacchi delle cinture di sicurezza di Opel Meriva ?
    Io segnalo il mio di inizio maggio 2011: Opel Meriva anno 2008, la cintura non si ancora più al gancio di fissaggio a lato del sedile.
    Il concessionario verifica il problema e comunica che si tratta del dispositivo di aggancio che non blocca più la cintura.
    Meno male che è successo al parcheggio!
    Altrimenti, se ero in marcia …..
    Ma i dispositivi di sicurezza per il passeggero non dovrebbero assicurare sempre il funzionamento?

    • paoblog
      4 Maggio 2011

      Sulla carta ogni componente dell’auto dovrebbe assicurare il suo funzionamento… ma le rotture esistono… fermo restando che se un componente è difettoso all’orgine, il problema diventa poi prevedibile ….

      Comunque sia ho girato il commento anche a Maurizio Caprino e questa è la sua risposta:

      Beh, è chiaro che tutto può guastarsi su questa terra. Proprio per questo, sui sistemi che guastandosi possono fare i danni maggiori sono previste ridondanze: aerei con almeno due motori (quattro per rotte transoceaniche, salvo che non abbiano certificazione Etops che ne consente due anche in quei casi, circuito frenante sdoppiato sulle auto ecc).

      In alternativa, quando è difficile pensare a una ridondanza ed è possibile fermarsi in tempo (cosa alla portate delle auto e non degli aerei) ci sono spie di allarme (come la perdita di pressione sulle runflat o la cintura slacciata) e/o disabilitazioni automatiche (come i programmi recovery dell’iniezione).

      Sulle cinture appare adeguata la spia, anche perché l’utente quasi certamente può benissimo accorgersi del problema e portare l’auto in officina: la spia serve prevalentemente a ricordare di allacciarsi, poi quando uno lo fa capisce mediamente se l’aggancio della fibbia è avvenuto correttamente (cosa molto più difficile e improbabile quando una gomma runflat perde pressione ed è per questo che qui è obbligatoria la spia).

  2. Francesco
    20 gennaio 2011

    L’intervento di Tyson fa, davvero, riflettere.

    Concessami, infatti, una piccola premessa in chiave di allegra e spensierata ironia – sotto i ganci e gli “uppercat” di Tyson cederebbero, evidentemente come fossero di friabile materia, persino gli sportelli di uno Scania… – potremmo soffermarci su quella che è la “tanto decantata” – e, a mio modesto parere, esageratamente quanto, addirittura, inutilmente esaltata – “novità” dell’attuale serie della Opel Meriva.

    Le cosiddette – e non, assolutamente, nuove: essendo presenti in tante automobili fin dagli Anni Trenta, se non prima, del Novecento e, attualmente, anche su alcune berline di lusso, come Rolls e Mybach – porte ad apertura “ad armadio o libro che scriver si voglia” dette, anche, tradizionalmente “suicide doors”.
    Sembra di capire, da quel che scrive il nostro Tyson, che il problema di fastidioso scricchiolio – alquanto “prematuro” nell’affacciarsi sulla vita dell’esemplare in oggetto, visto che questi ha solo 3.000 chilometri sulle spalle – si sia verificato proprio in prossimità di quell’innovativo e “falsamente rivoluzionario” sistema di apertura/chiusura porte.
    Ovvero: il celebre montante centrale, laddove sussistono le serrature delle portiere, che permettono l’apertura “a libro” mantenendo solidità alla scocca. Cioè: non come le classiche Lancia Anni Trenta-Cinquanta che adottavano tale apertura prive di montante, circostanza tale da indebolire la struttura dell’abitacolo.

    E, allora: non sarà che per permettere simile apertura si sia dovuto adottare un sistema non particolarmente riuscito in fase di progetto, tale – ovvero – da non resistere al minimo trascorrere del tempo?
    Un sistema che “va in tilt” a furia di aprire e chiudere le portiere?
    Ricordando, anche e se non cado in errore, che per poter aprire la portiera posteriore occorre sganciare prima quella anteriore: cosa che fa supporre un sistema piuttosto articolato e facilmente soggetto a cedere…

    Il tempo che trascorrerà e l’eventuale mole di vendita della Meriva, fin ora non visibile, probabilmente ci sapranno dire di più.

  3. tyson
    19 gennaio 2011

    ma non avevano fatto un gran passo avanti con questo modello?io ne ho una con tremila km e comincia a scricchiolare nelle portiere e nei montanti centrali,speriamo riescano a far qualcosa prima che scada la garanzia….voglio credere che sia solo una piccola svista,lo spero sia per la opel sia per il mio concessionario visto che il mio assegno non scricchiolava…

  4. Paoblog
    12 novembre 2010

    Sarebbe stato sicuramente pericoloso il cedimento del sedile guidatore… vero che se cede il sedile del passeggero nel momento sbagliato e qualcuno si fa male…meglio prevenire che affrontare una causa per danni fisici…

    vero che poi le Case negano sempre ogni responsabilità, ma vero anche che la consapevolezza dei consumatori è sempre più forte…

  5. Francesco
    12 novembre 2010

    Ho letto di questo richiamo. Però non sono riuscito a visualizzare con chiarezza l’eventuale pericolosità della cosa… Se si tratti, ovvero, di un problema che può causare solo fastidi o diventare anche pericoloso e minare la sicurezza di chi viaggia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: