Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Se il prosciutto di San Daniele Dop è buono lo dice lo scanner

Pubblico in sintesi un interessante articolo di Mariateresa Truncellito per Il Fatto Alimentare.

Un fascio di luce per testare il prosciutto  San Daniele Dop. E’ questo il nuovo sistema  messo a punto dal laboratorio CATAS  di San Giovanni al Natisone (Udine) per valutare il livello di stagionatura del celebre prosciutto friulano.

Il nuovo metodo è abbastanza rivoluzionario perchè attraverso  la spettrometria permette di misurare alcuni parametri chimici e fisici del prosciutto,  lasciando  intatta la coscia.

«Conoscere con certezza le caratteristiche qualitative di un prodotto sottoposto a stagionatura è sempre stato un aspetto difficile del processo produttivo», spiega Pierpaolo Rovere  tecnologo alimentare del Catas. «La sicurezza data dalla verifica di ogni pezzo permette di assicurare in modo indiscutibile la qualità. Ma c’è anche la necessità di non intaccarne l’integrità».

Alcune aziende del Distretto agroalimentare di San Daniele del Friuli (Asdi) da tempo cercavano un sistema innovativo per valutare la qualità del prosciutto senza ricorrere alla puntatura, ossia all’inserimento nel cosciotto di un osso di cavallo per “catturare ” i profumi e la consistenza della carne e valutare l’andamento della stagionatura.

Oltre alla puntatura, l’analisi classica  prevede alla fine del ciclo produttivo l’esame di pochi grammi di prosciutto in laboratorio per definire il rispetto dei parametri chimico-fisici stabiliti dai  disciplinari di produzione. Per fare questo un prosciutto su 1000 viene “sacrificato” prima della marchiatura in rappresentanza dell’intero lotto.

L’analisi di laboratorio è un metodo efficace, ma presenta alcune lacune perchè comporta il sacrificio dei prosciutti e rimane il dubbio di quanto un singolo prosciutto possa essere rappresentativo del  lotto? E, ancora: se ci sono dei problemi durante la trasformazione, la veloce operazione di puntatura svolta da un operatore in base al proprio tatto e olfatto, è veramente in grado di individuarli?

«Per rispondere a queste domande – continua Rovere – abbiamo provato a utilizzare le nuove tecnologie disponibili nei laboratori e siamo approdati al  sistema Nir che si è dimostrato il più efficace. A questo punto è venuta l’idea di sviluppare una sorta di  scanner per prosciutti ed è nato NTT, con la collaborazione di un costruttore di sistemi Nir (SACMI Imola)».

Grande come una cabina telefonica, NTT “fotografa” un prosciutto al secondo, attraverso un raggio di luce che con penetra e raccoglie informazioni senza lasciare segni. Il prototipo costa 50mila euro, ed è unico nel suo genere, vista la capacità di lavorare su grossi spessori.

Lo strumento sarà adottato dal mese di  maggio da 5 prosciuttifici della zona di  San Daniele che aderiscono alla sperimentazione,  sarà affiancato dalle analisi ufficiali, e porterà un gran numero di nuove informazioni aggiuntive su umidità, grassi, sali e proteine. Dopo le prove il sistema Ntt  seguiràun intero lotto di produzione per tutta la filiera.

Lettura integrale dell’articolo QUI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: