Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Poste in tilt: puoi chiedere il risarcimento

Leggo su Altroconsumo

Il black out che ha interessato in questi giorni gli uffici postali ha causato molti disagi agli utenti.

Un tavolo di conciliazione con le Poste dovrebbe definire, nei prossimi giorni, come rimborsare i consumatori danneggiati. Al tavolo parteciperà anche Altroconsumo.

Se sei fra gli utenti che hanno subìto danni, puoi rivolgerti a noi.

Segnala qui il tuo caso, provvederemo a contattarti per fornirti tutte le indicazioni utili a ottenere il risarcimento.

Ricorda di conservare tutta la documentazione necessaria a provare il disagio subìto.

°°°

Leggo su Il Blog dei Consumatori

Tutti coloro che sono stati coinvolti nel disservizio postale, subendo un danno, possono chiedere aiuto alla Casa del Consumatore compilando l’apposito form, ove è possible segnalare i danni e disagi patiti e inviare la documentazione, anche direttamente online.

Segnaleremo I vostri casi al tavolo di conciliazione e vi spiegheremo come ottenere il giusto risarcimento. Per ogni informazione potete comunque contattarci.

Alcuni esempi di danni causati dal disservizio postale che possono essere risarciti in quanto hanno prodotto un aggravio di spesa al cittadino (come interessi di mora o maggiorazioni di spesa):

– BOLLETTE SCADUTE
– CONTRAVVENZIONI PAGATE IN RITARDO
– TASSE E TRIBUTI PAGATI IN RITARDO
– FATTURE SCADUTE;
– BONIFICI O GIROCONTI NON ANDATI A BUON FINE
– BOLLETTINI NON PAGATI

Oltre questi, possono esserci altre tipologie di danno, come l’impossibilità di presentare nei tempi limite la domanda di partecipazione ad un concorso pubblico, o l’impossibilità di ritirare la pensione e saldare un debito o pagare un fornitore.

 

2 commenti su “Poste in tilt: puoi chiedere il risarcimento

  1. Pingback: Poste, tra timori e ricerca della normalità « Paoblog

  2. Poppea
    8 giugno 2011

    Le poste è un casino, mia madre non ha potuto prendere la pensione, stamattina tornava giù, speriamo bene! Le bollette si possono pagare per fortuna anche dai tabaccai, alle lottomatiche , ma certo è che il disservizio è forte!

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: