Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Sim con servizi accessori: l’Antitrust multa le compagnie

leggo su Altroconsumo

Al momento dell’acquisto di una sim, le compagnie telefoniche non informavano i clienti dell’esistenza di servizi accessori già attivati, come la segreteria telefonica e la navigazione internet in mobilità. Servizi entrambi a pagamento che, se non disattivati esplicitamente, venivano addebitati automaticamente ai clienti.

Secondo l’Antitrust una pratica commerciale scorretta che l’ha portata a sanzionare Telecom, Vodafone, Wind e H3G con una multa complessiva di 870 mila euro.

L’autorità contesta alle quattro aziende di non aver informato in maniera adeguata gli acquirenti delle sim sull’esistenza di servizi già attivati e sulla loro fruizione a pagamento. Questa mancanza di dati ha esposto i consumatori al rischio di utilizzare dei servizi a pagamento non richiesti. Da qui le sanzioni per pratiche commerciali scorrette, così suddivise: 300 mila euro a Telecom; 250 mila euro a Vodafone; 200 mila euro a Wind; 120 mila euro a H3G.

Al momento della prima attivazione dunque la sim che hai acquistato è già abilitata sia alla segreteria telefonica sia alla navigazione internet in mobilità. Se usufruisci di questi servizi i relativi costi ti verranno addebitati dal gestore finché non chiederai esplicitamente la loro disattivazione.

L’acquisto di una sim, oltre al traffico voce, è collegato a diversi servizi eterogenei e il produttore deve metterti a conoscenza di tutti questi costi aggiuntivi in modo che tu possa scegliere consapevolmente di quali usufruire e quali no.

Leggi l’inchiesta di Altroconsumo sulla scarsa trasparenza al momento dell’acquisto della Sim.

 

Un commento su “Sim con servizi accessori: l’Antitrust multa le compagnie

  1. Pingback: Google Alert – SIM NEWS – Easy News Press Agency | Easy News Press Agency

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: