Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Rc auto: gli italiani ne sanno poco

Leggo su Altroconsumo: “Quanto ne sai di Rc auto?”

Lo abbiamo chiesto a quasi duemila italiani scoprendo tanta confusione e altrettante lacune sulle coperture e nel rapporto con la compagnia di assicurazione. Un italiano su tre è convinto di essere coperto dall’Rc auto se subisce danni fisici in un incidente in cui è al volante e due su dieci pensano di essere coperti  in caso di furto e incendio. Ma non è così.

Per legge ogni veicolo a motore in circolazione deve essere assicurato con la polizza Rc auto (Responsabilità civile auto) che copre i danni fisici o materiali che la tua auto può causare agli altri nei limiti della somma indicata nella polizza (minimo 5 milioni di euro per i danni alla persona e un milione di euro per quelli alle cose).

Ogni automobilista che circola sulle strade del Belpaese deve esserne dotato e, quindi, sarebbe auspicabile che conoscesse le coperture che gli garantisce. Peccato che su questo punto ci sia tanta confusione: uno su tre non sa che l’Rc auto non copre i danni fisici al guidatore che ha provocato l’incidente.

Per avere anche questa copertura si deve inserire nella polizza la copertura “Infortuni del conducente”, pagandola. Anche su furto e incendio il 16% degli intervistati non sa che questa copertura non rientra nell’Rc auto ma che è necessario stipulare una polizza ad hoc.

Sul meccanismo del bonus malus gli italiani sono preparati anche se con qualche incertezza. Il 16% non sa che un malus provoca un peggioramento di due classi di merito e il 7% pensa che sarà penalizzato per qualsiasi incidente anche per quelli in cui non ha alcuna responsabilità.

Il meccanismo è semplice: se non fai incidenti vieni premiato e il costo dell’assicurazione diminuisce un po’ ogni anno (bonus); se fai incidenti paghi un premio più alto che scenderà solo dopo qualche anno (malus).

Una delle novità più interessanti della nuova normativa sull’Rc auto che permette di risparmiare sul costo della polizza è la possibilità di estendere la classe di merito di un membro della famiglia a una seconda macchina che si acquista per se stessi o per un figlio o la moglie o un altro membro del nucleo familiare.

Il che significa che se un papà  compra l’auto nuova al figlio diciottenne la compagnia non potrà metterlo nella classe base, la 14esima e fargli pagare quindi il premio più caro, ma potrà usufruire della classe di merito del papà che sarà sicuramente più bassa. Peccato che il 57% degli italiani ignori questa possibilità.

Non solo. Quattro italiani su dieci sono convinti di dover inviare la disdetta della polizza almeno un mese prima della scadenza.

Non è così: se la polizza è “a tacito rinnovo”, cioè si rinnova in automatico (solitamente sono quelle vendute dalle compagnie tradizionali), la disdetta può essere inviata 15 giorni prima della scadenza annuale.

C’è un’eccezione: puoi disdire fino all’ultimo giorno se l’aumento del premio per l’anno successivo – al netto dei malus – è superiore al tasso d’inflazione programmato. Si ha più tempo, quindi, per guardarsi attorno e risparmiare individuando le offerte più convenienti sul mercato.

Questi in sintesi i risultati dell’indagine di Altroconsumo presentati a Roma all’incontro che ha visto confrontarsi Isvap, Ania, Antitrust, Sna, Camera e Senato.

L’indagine è stata realizzata nell’ambito del progetto guidoSicuro che ha come obiettivo quello di informare i cittadini sui diversi aspetti delle polizze Rc auto, guidarlo all’utilizzo di strumenti per ricercare l’offerta più conveniente e aumentare la sua consapevolezza rispetto ai comportamenti alla guida.

In questo ambito Altroconsumo, mette a disposizione tutte le informazioni e uno strumento interattivo per scoprire quanto si può risparmiare sulla polizza Rc auto.

Il progetto guidoSicuro è realizzato da Altroconsumo in collaborazione con Codici, Acu, Casa del Consumatore e Confconsumatori con il patrocinio e il contributo finanziario del Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti.

2 commenti su “Rc auto: gli italiani ne sanno poco

  1. IlPrincipeBrutto
    25 giugno 2012

    >> Il che significa che se un papà compra l’auto nuova al figlio diciottenne la compagnia non potrà metterlo nella classe base
    .
    Una norma che impedisce di fatto all’assicurazione di svolgere il proprio lavoro, vale a dire quantificare un premio in base al rischio.
    .
    sicuri si diventa, Ride Safe.

    • paoblog
      25 giugno 2012

      cosa questa che compensano tranquillamente mettendomi in classe 14 quando guido l’auto aziendale (nuova) ed in classe -3 quando uso la mia… eppure l’unico guidatore sono sempre io…

      forse se si abbinasse il Bonus/Malus alla patente e non all’auto, sarebbe meglio…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: