Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Una “Bibliotenda” per i lettori di Cavezzo

A Cavezzo, uno dei centri abitati più colpiti dal sisma che ha reso inagibile anche la biblioteca comunale, è attiva la “Bibliotenda“, una struttura realizzata grazie a una gara di solidarietà che ha suggellato un patto di amicizia a più di 900 km di distanza.

L’idea della “bibliotenda” nasce nel Salento, a Copertino, subito dopo la terribile scossa del 29 maggio. La dirigente scolastica dell’Istituto “Giovanni Falcone”, Ornella Castellano pensa all’acquisto di una grande tenda-biblioteca con scaffali e libri da allestire a Cavezzo. Il sogno si avvera: la tenda e i libri precedono di qualche giorno l’arrivo a Cavezzo del pullman con 30 volontari.

Nel bagagliaio i sapori della Puglia e un ulivo, da piantare accanto alla bibliotenda, nel parco della casa di riposo “Villa Rosati”, dove il Comune ha prontamente realizzato la base-pavimento in legno. Giunti all’alba del 24 giugno, si procede all’allestimento e all’inaugurazione con una festa.

Da allora la bibliotenda è aperta il martedì, giovedì e sabato dalle 9 alle 13; dal lunedì al venerdì anche dalle 16 alle 19.30. E per il mese di luglio tante le iniziative in programma, soprattutto per i più piccoli: i martedì 17, 24 e 31 luglio, alle 18, “Cantiamo sotto la tenda“, a cura della Scuola di Musica di Mirandola; i venerdì 20 e 27, sempre alle 18, è la volta delle “Storie sotto la Tenda“.

Sono diverse le importanti biblioteche danneggiate dal sisma come ad esempio la biblioteca “Eugenio Garin” di Mirandola, ex convento gesuita, che rappresenta per l’area modenese la terza biblioteca per grandezza e quantità libraria dopo Modena e Carpi.

La struttura ha un ricco patrimonio ed è un punto di riferimento per i cittadini di Mirandola, contiene più di 65 mila libri moderni e ospita anche una raccolta di circa 30 mila volumi di edizioni antiche che vanno dal XV al XIX secolo.

Ma al più presto sarà garantita una struttura provvisoria in vista anche del nuovo inizio scolastico quando gli studenti usufruiscono maggiormente del servizio di prestito e della consultazione interna.

Intanto, in attesa del recupero delle biblioteche comunali rese inagibili dal sisma, iniziative come il bibliobus e la bibliotenda consentiranno a tanti cittadini di poter trascorrere serenamente un po’ di tempo in compagnia di un buon libro.

Fonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: