Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Droga: colpevoli anche per la canna della settimana prima

La norma che ci spiega Maurizio Caprino è veramente assurda; io sono contrario all’uso di droghe, ma a questo punto dovrebbero punire anche chi si è ubriacato sul divano di casa la sera prima e che, quasi certamente, oggi potrebbe guidare con un violento mal di testa, senza poi dimenticare che sicuramente ci sono onorevoli che sniffano cocaina e poi si siedono in Parlamento a legiferare ed a prendere decisioni che influiranno sulla pelle di tutti noi.

Resto dell’idea che non è necessario drogarsi per vivere più intensamente, anzi il contrario, che ogni dipendenza è una prigione senza sbarre, tuttavia ci sarà il cittadino normale che perderà la patente e chi, in barba a tutte le leggi e condanne, continuerà a fare quello che gli pare… (ed ogni riferimento a Fabrizio Corona non è casuale).

Che poi devo ancora capire come sia possibile che a Corona abbiano ritirato la patente per 12 volte e poi sia sempre alvolante di una macchina e continui ad infilare una violazione dopo l’altra…

D’altro canto a suo tempo mi chiedevo come fosse possibile fermare la guida senza patente di Corona e la risposta me l’aveva data Maurizio Caprino: la verità è che con gente del genere non ci sono deterrenti, ma solo la galera o altri mezzi per garantire che non si spostino da un punto predeterminato.

Questo post è stato scritto sabato e neanche a farlo apposta ecco che questa mattina leggendo SicurAuto scopro che: qualche giorno fa Corona alla guida di una Mercedes tampona un’auto sul tratto di Afragola dell’autostrada Napoli-Roma:  si ferma, dà le sue generalità all’automobilista danneggiato, si allontana in direzione di Pozzuoli; viene rintracciato dalla Polizia stradale all’ospedale La Schiana di Pozzuoli, dov’è per farsi medicare. Risultato negativo all’alcoltest, viene condotto nella caserma della Stradale, per gli accertamenti del caso, e qui si scopre che Corona non può guidare, perché senza patente: scatta così la denuncia a piede libero per guida senza patente.

°°°

Attenzione: se andrà in porto (come sembra) l’ultima proposta di legge di modifica del Codice della strada di cui scrivo sul Sole 24 Ore, cambierà di fatto il criterio di punibilità per la droga alla guida.

E saranno dolori per molti, anche insospettabili: mentre attualmente per far scattare le sanzioni è necessario dimostrare che il conducente stava guidando  “sotto l’effetto” di droghe, in futuro basterà che nei test si trovino tracce di  presenza di sostanze stupefacenti nell’organismo.

Infatti, la proposta di legge  di modifica afferma che i controlli devono semplicemente accertare che  l’interessato abbia “fatto uso” di droghe, perché con i mezzi e il personale  attualmente a disposizione è difficile documentare che il guidatore è in  condizione di “sotto effetto”. Ma spesso le sostanze assunte nei giorni e nelle  settimane precedenti restano presenti, anche se non fanno più effetto e quindi  non compromettono più la capacità di guidare.

La questione è importante, anche perché la droga alla guida è un reato e  comporta sanzioni pesanti: ammenda da 1.500 a 6.000 euro, arresto da sei mesi a  un anno, sospensione della patente da uno a due anni, decurtazione di 10 punti.  Le sanzioni (esclusa la decurtazione) sono aumentate da un terzo alla metà per  neopatentati e conducenti professionali. La patente viene revocata se il reato viene ripetuto nel giro di un triennio.

 

Un commento su “Droga: colpevoli anche per la canna della settimana prima

  1. Pingback: Droga e tolleranza sui camper: la Camera si corregge « Paoblog

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: