Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Una donna ruba la speranza a milioni di altre

Una donna potente sta mettendo a rischio il futuro di milioni di altre. Ma se ci attiveremo subito potremo liberare la banca governata dal basso oggi esempio per il mondo intero.

La Grameen Bank ha dato la possibilità a milioni di donne di uscire dalla povertà, garantendo loro piccoli prestiti per comprare animali o attrezzature per cominciare a guadagnare denaro.

Ma l’invidioso Primo Ministro del Bangladesh, Sheikh Hasina, ha licenziato il suo fondatore e Premio Nobel Muhammad Yunus e ora vuole prendere il controllo della banca, così da silenziare il rivale politico. Questa espropriazione potrebbe segnare la fine della banca e distruggere la speranza di milioni di persone.

Hasina è stata coinvolta in una serie di scandali nel suo paese: se alla sua lista di preoccupazioni aggiungeremo anche un’enorme mobilitazione globale, la potremo convincere a tornare sui suoi passi. Non appena 1 milione di noi si unirà alla protesta, Avaaz lancerà una tempesta mediatica in Bangladesh e in tutto il mondo, costringendola a finire questo attacco vendicativo.

Firma ora la petizione

La Grameen Bank è molto diversa dai giganti di Wall street. Presta denaro a 8,4 milioni di persone, per lo più donne dei villaggi più poveri del Bangladesh, in modo che possano comprare beni come mucche o macchine da cucire e iniziare a guadagnare denaro.

Inoltre le donne che prendono in prestito il denaro sono anche quelle che governano la banca: non solo sono gli azionisti di maggioranza, ma ben 9 posti nel consiglio su 12 sono in mano a donne dei villaggi vestite con il tradizionale sari.

Ma il Primo Ministro Hasina vuole mettere fine alla Grameen Bank così come la conosciamo. Per prima cosa ha cancellato la posizione di Yunus come amministratore delegato della banca, e ora ha appena approvato una legge che permetterebbe al governo di scavalcare il consiglio eletto dalle persone per nominare direttamente il suo successore. Ora la paura è che il governo possa usare questo nuovo potere per manipolare i milioni di membri della banca per ottenerne i voti alle elezioni del prossimo anno.

La caduta della Grameen Bank sarebbe un disastro per il Bangladesh e per il movimento per il microcredito in generale che lavora per migliorare la vita delle persone in tutto il mondo. Firma la petizione urgente al Primo Ministro Hasina e ai suoi alleati internazionali e salviamo insieme la banca che sta rivoluzionando la guerra alla povertà.

I membri di Avaaz si sono mobilitanti moltissime volte per lottare contro le grandi ingiustizie e la corruzione. Oltre 2 milioni di persone hanno manifestato per far approvare la più forte legge anticorruzione della storia del Brasile, e mezzo milione di membri hanno aiutato a congelare i beni rubati dal dittatore egiziano Hosni Mubarak quando tentava di fuggire dall’Egitto.

E’ il momento che la forza dal basso dei cittadini si metta in azione in Bangladesh … e riconquisti la migliore banca del mondo.

Per ulteriori informazioni, clicca sui link qua sotto:

Donne al potere, il caso di Sheikh Hasina Premier del Bangladesh (Atlas)

Il Bangladesh caccia Yunus dalla sua banca (Sole 24 Ore)

Yunus preoccupato per la Grameen Bank (Borsa Italiana)

George Shultz e Madeleine Albright si uniscono all’ondata di preoccupazione per un esproprio da parte del Governo della Grameen Bank (MoneyLife) [EN]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: