Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Disoccupazione, come funziona Aspi, la nuova indennità

leggo su Altroconsumo

Si chiama Aspi e da quest’anno, con l’entrata in vigore della riforma Fornero, sostituisce la vecchia indennità di disoccupazione.

Si tratta dell'”Assicurazione sociale per l’impiego”, di cui possono beneficiare i lavoratori dipendenti, sia con contratto a tempo indeterminato che determinato, che restano involontariamente disoccupati a partire dal primo gennaio 2013. Trovi tutti i dettagli nello speciale sull’Aspi.

Per ottenere l’indennità bisogna avere almeno due anni di anzianità assicurativa e almeno un anno di contributi nei due anni precedenti all’inizio della disoccupazione.

Fermo restando questo requisito, ecco chi può beneficiare dell’Aspi facendone richiesta solo via internet ed entro 68 giorni dalla data di fine lavoro all’Inps (contact center: 803.164).

  • Chi perde involontariamente il lavoro.
  • Lavoratori che si dimettono per giusta causa.
  • Lavoratrici madri che si dimettono nel periodo in cui c’è il divieto di licenziamento (dalla data di gestazione fino al primo anno d’età del bambino).
  • I padri lavoratori per la durata del congedo di paternità e fino al compimento del primo anno d’età del bambino.
  • Sono esclusi i lavoratori a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni e i lavoratori agricoli.

Se il tuo stipendio, nel 2013, era pari o inferiore a 1.180 euro al mese, l’indennità mensile di disoccupazione che ti spetta è pari al 75% della cifra. Se invece era superiore, si aggiunge a questo 75% il 25% della differenza tra lo stipendio e i 1.180 euro di base.

Nel 2013 la durata di questo aiuto economico è di 8 mesi per chi ha meno di 50 anni e di 12 per chi li ha già compiuti. Dal primo gennaio del 2016 l’Aspi entrerà a regime e la durata dell’indennità sarà di 12 mesi fino a 55 anni e 18 mesi oltre i 55 anni.

Per chi non ha i requisiti di anzianità contributiva – ad esempio i giovani precari – è possibile chiedere la “mini Aspi”: bisogna aver versato almeno 13 settimane di contributi come dipendente durante gli ultimi 12 mesi prima della disoccupazione.

Se hai intenzione di iniziare un lavoro autonomo, avviare un’attività in forma di auto o micro impresa o associarti a una cooperativa, tieni conto che – per gli anni 2013, 2014 e 2015 – chi ha diritto all’Aspi può chiedere l’anticipo delle mensilità non ancora percepite.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: