Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Raffica di preavvisi di fermo da Equitalia per migliaia di italiani: che fare?

tasse 2un articolo che leggo sul Blog del Consumatore che pubblico “al contrario” ovvero conoscendo la pessima abitudine di alcuni di leggere solo l’inizio degli articoli, perdendosi poi le conclusioni finali ed i consigli correlati, sposto all’inizio i consigli generali sul da farsi e proseguo poi con l’articolo originale che spiega nei dettagli la vicenda.

Da parte mia vi ricordo con questo link che racconta una mia vicenda, che i nostri Diritti si scontrano con quello che poi Equitalia e/o Agenzia delle Entrate fanno veramente. Altro che sgravio, quanto ignorano due sentenze a loro sfavore.

Spesso sono la burocrazia e la malafede (se non l’incapacità) di certi funzionari a complicare la vita oltre misura a noi cittadini.

P.S. Interessante alcuni giorni fa ascoltare il Sen. Pietro Ichino raccontare la sua odissea con l’Agenzia delle Entrate, nel tentativo di pagare il dovuto per poi giungere all’ovvia conclusione che l’Agenzia non lavora per il cittadino, macontro di esso.

° ° °

Vi segnaliamo questo servizio che offre la possibilità di ottenere una verifica gratuita delle proprie cartelle di pagamento e di richiedere l’assistenza di un legale nella predisposizione delle richieste di annullamento e sgravio delle cartelle esattoriali ed, in generale, nella gestione della propria pratica Equitalia.

Qui trovate anche un interessante articolo: “Preavviso di fermo amministrativo: ecco come difendersi”.

Come fare per evitare di subire il fermo della propria auto?

Tutti coloro che abbiano ricevuto un preavviso di fermo amministrativo (oppure anche un semplice sollecito di pagamento) da Equitalia, dovrebbero, per prima cosa, analizzare nel dettaglio le cartelle di pagamento e tutte le singole voci addebitate per verificare se le somme richieste sono effettivamente dovute oppure no.

Una volta effettuata la verifica dei vari addebiti ed individuate eventuali contestazioni da sollevare (es. precedenti provvedimenti di sgravio e/o sentenze di annullamento, multe e/o tributi già pagati, somme prescritte, ecc.), in base alla c.d. Legge di Stabilità è possibile richiedere ad Equitalia la sospensione del fermo amministrativo e, comunque, di tutte le procedure esecutive, oltre che lo sgravio delle cartelle che non sono da pagare.

Naturalmente, le contestazioni e le relative richieste di annullamento e sgravio devono essere adeguatamente motivate, allegando tutta la documentazione utile a supporto.

Quali sono le tempistiche per contestare le cartelle?

Le contestazioni vanno sollevate entro 90 giorni da quando si è ricevuto il preavviso di fermo amministrativo o qualunque altra notifica da Equitalia. Per esempio: chi ha ricevuto il preavviso di fermo nel periodo di ferragosto, avrà tempo fino a metà novembre!

Una volta inviate le proprie contestazioni e richiesto l’annullamento delle cartelle esattoriali, cosa succede?

L’agente della riscossione ed i vari enti creditori, entro 220 giorni dal ricevimento di ciascuna richiesta, sono tenuti ad effettuare le verifiche del caso ed a fornire a ciascun richiedente una risposta motivata di accoglimento o rigetto delle richieste di sgravio. Altrimenti, si verificherà un vero e proprio sgravio automatico delle somme contestate.

Un commento su “Raffica di preavvisi di fermo da Equitalia per migliaia di italiani: che fare?

  1. stefanofondazioneantiusura
    13 febbraio 2016

    Se avete trovato un fermo su un veicolo appena comprato io vi consiglio di contattare il venditore bonariamente.

    Successivamente con raccomandata,fare presente questa problematica chiedendo che paghi la multa che ha originato il fermo fornendo poi prova del pagamento a voi

    Se non succede niente di tutto questo potete chiedere la restituzione dei soldi e restituire il mezzo.
    Se il  venditore non vuole saperne  potete denunciarlo sporgendo una querela.

    Circolare con un mezzo sottoposto a fermo  può comportare una multa che graverà sul nuovo proprietario.

    Sono Stefano lavoro in una fondazione antiusura, controllo tutti i giorni cartelle equitalia ed avvisi di accertamento da parte della pubblica amministrazione

    Chiamatemi per avere dei consigli
    Stefano cell 3295688805 e-mail cfabbrici103@libero.it

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: