Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Scrivere “Filetti di merluzzo” sull’etichetta non basta. Secondo l’Antitrust bisogna indicare anche la zona di pesca

un articolo di che leggo su Il Fatto Alimentare

filetti-merluzzo-etichettaScrivere sulla confezione dei tranci o dei filetti di pesce solo la parola “merluzzo” è troppo generico.

È questo il parere dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato che, confermando la tesi di Eurofishmarket, ha pubblicato un parere invitando le aziende a scrivere la “zona di cattura” sul frontespizio della confezione utilizzando un carattere chiaro.

La questione è emersa lo scorso febbraio alla fiera di Rimini (RHEX – Rimini Horeca Expo), nel corso della quale Eurofishmarket, assieme all’esperto di etichette Giuseppe De Giovanni, ha presentato i risultati di un’indagine condotta su numerosi campioni di prodotti preconfezionati congelati e surgelati acquistati nelle principali province di tutta Italia.

L’82% circa dei marchi esaminati riportava una denominazione di vendita scorretta. L’errore principale consisteva nell’indicare il nome generico della specie, al posto della denominazione commerciale (corrispondente al nome scientifico della specie).

diffusione-mari-merluzzo-Merluccius-MerlucciusIl caso più diffuso riguarda l’indicazione “merluzzo”, che corrisponde alla sola specie Merluccius merluccius, considerata la più pregiata poiché pescata nei mari in prossimità delle coste europee (vedi foto).

In realtà nelle confezioni si trova spesso il meno pregiato merluzzo sudafricano (Merluccius capensis o Merluccius paradoxus) o il merluzzo atlantico (Merluccius hubbsi).

Alcuni organi di controllo avevano avanzato delle critiche accusando le aziende di proporre diciture  ingannevoli sull’etichetta, fino a ipotizzare il reato di frode in commercio.

Di fronte a questa situazione l’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha adottato una precisa posizione, obbligando le aziende a indicare sul fronte della confezione la zona di cattura del pesce, per chiarire meglio al consumatore l’origine e le caratteristiche del pescato.

Si tratta di un passo avanti che però non soddisfa del tutto gli esperti di Eurofishmarket secondo cui, il provvedimento è impreciso perchè al posto del riferimento alla zona di pesca sarebbe stato meglio inserire la denominazione commerciale, cui presumibilmente l’Autorità intendeva riferirsi avendo intitolato il comunicato “Filetti di Merluzzo – denominazioni scorrette”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10 ottobre 2013 da in Alimentazione, Cucina & Ristoranti, Consumatori & Utenti, Leggo & Pubblico con tag , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: