Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Itinerario sul parabrezza? Poco pratico

La mia opinione in merito non fa testo in quanto fa riferimento ad un sentire personale ovvero mi sono fatto un’opinione senza aver mai provato il sistema, per cui sono pronto a ricredermi, tuttavia sono convinto che sia meglio avere una visione chiara della strada, senza la proiezione di schermi (head-up) o mappe sul parabrezza.

a quanto leggo su Altroconsumo la distrazione sembra arrivare dall’imprecisione dell’apparecchio in sè…

02867918-09ea-4a07-9424-c56a95f04325garmin-hud-itineraire-sur-le-pare-briseIl funzionamento del Garmin HUD ( Head-Up-Display) è piuttosto semplice:  riceve le informazioni di navigazione da uno smartphone e le proietta su una apposita pellicola trasparente da incollare al parabrezza o su una sorta di lente riflettente agganciata all’HUD.

Una novità che dovrebbe aiutare a mantenere gli occhi sempre sulla strada. Purtroppo però, abbiamo sperimentato che se vuoi arrivare a destinazione senza frustrazioni ti conviene comunque guardare lo schermo dello smartphone.

Oltre al Garmun HUD) tutto ciò che serve è uno smartphone nel quale è stato precedentemente installato il software di navigazione Garmin e uno speciale kit per auto che viene fornito assieme al caricabatteria.

Garmin HUD si monta sul cruscotto in modo da poter proiettare il percorso su un adesivo trasparente da appiccicare al parabrezza o su un piccolo schermo rigido di plastica trasparente collegato direttamente all’apparecchio. Il collegamento tra il Garmin HUD e lo smartphone avviene via Bluetooth.

Ci aspettavamo che il Garmin HUD ci desse indicazioni tempestive, ma non è stato così. A volte abbiamo visto restare visibile una freccia di svolta a sinistra per diversi chilometri, invece di seguire la nostra situazione in tempo reale. Il display invece mostra sempre l’indicazione successiva.

L’alimentazione si distacca facilmente dal dispositivo, tanto che il Garmin HUD si è scollegato più di una volta: piuttosto seccante. Un’altra brutta sorpresa è stata poi la quantità di graffi sullo schermo dopo averlo pulito con un tovagliolo di carta.

Garmin HUD è un dispositivo bello, ben rifinito che però ha la pecca di mancare di informazioni. Di fatto non sarà in grado di guidarti a destinazione se non hai l’accortezza di guardare anche lo schermo dello smartphone.

L’HUD riproduce infatti le più importanti informazioni dell’applicazione di navigazione ma in modo troppo semplificato, e a volte con poca precisione.

L’applicazione (con le mappe per Europa occidentale) e il kit per auto insieme costano 89,99 euro, al quale bisogna aggiungere 149 euro per il Garmin HUD stesso: un totale di ben 238,99 euro.

Con molto meno puoi comprae un navigatore GPS da auto di ottima qualità.

Un commento su “Itinerario sul parabrezza? Poco pratico

  1. Pingback: Basta navigatori da 2mila €, le case auto si arrendono agli smartphone. Ma solo se funzionano bene | Paoblog

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: