Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

I Comuni dell’Emilia-Romagna contro i rischi del gioco d’azzardo

I Comuni si mobilitano contro i rischi del gioco d’azzardo. Per dare forza alla raccolta di firme per una proposta di legge di iniziativa popolare contro il gioco d’azzardo, dal 19 al 26 gennaio 2014 tanti Comuni scenderanno in piazza con banchetti e iniziative a favore della legalità.

Molte sono le realtà che hanno già aderito al Manifesto dei sindaci per sostenere una proposta di legge che favorisca una riduzione dell’offerta e un contenimento all’accesso, oltre a tutelare un’adeguata informazione e un’attività di prevenzione e di cura contro il gioco d’azzardo.

L’obiettivo è arrivare a raccogliere 50.000 firme. A fianco dei Comuni si sono attivati anche tanti comitati, cittadini, associazioni”. L’iniziativa è sostenuta da Legautonomie e Anci Emilia-Romagna insieme alla “Scuola delle buone pratiche” e sul territorio regionale la raccolta di firme si chiamerà “Mille piazze contro l’azzardo”.

Tra il 19 e il 26 gennaio tutti i Comuni italiani e i soggetti che hanno sostenuto la campagna organizzeranno numerosissimi banchetti in tutti i luoghi di aggregazione possibili.

I numeri del gioco d’azzardo sono impressionanti: con i suoi 80 miliardi di fatturato il settore è ormai divenuto la terza industria italiana. I giocatori abituali sono 15 i milioni, di cui 2 a rischio patologico e 800.000 già patologici.

Nel luglio 2013 l’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna ha approvato all’unanimità una legge regionale finalizzata a contrastare il fenomeno del gioco d’azzardo e le sue ricadute personali e familiari. Leggi qui informazioni sulla legge e qui il testo integrale.

La pagina web di mille piazze contro l’azzardo

Il manifesto dei sindaci contro l’azzardo

ludopatiaFonte: E-R Consumatori

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: