Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Il viceministro De Luca denuncia le lobby al ministero. E il superteste sui lavori in autostrada scrive al ministro

di Maurizio Caprino

Mentre i riflettori mediatici sono puntati sui giochini Letta-Renzi (ma non ci avevano garantito che non ne avrebbero fatti? in fondo era scarsi due mesi fa), le cose nel Paese continuano a succedere.

Anche all’interno degli stessi ministeri per i quali si mormora di cambi di ministri: il viceministro a Infrastrutture e trasporti, Vincenzo De Luca, ha dichiarato a Klaus Davi che il suo ministero è in mano alle lobby e che “siamo lì per tenere testa alle “logiche di lobby e gruppi di potere”.

Evidentemente però questo compito non è abbastanza gravoso per rinunciare spontaneamente alla carica di sindaco di Salerno, che forse sarà costretto a lasciare solo per incompatibilità dichiarata dalla magistratura.

Peccato che l’uscita di De Luca sia stata sovrastata dal superiore baccano sul caso Letta-Renzi: sarebbe stato salutare interrogarsi su un ministero dove in effetti le cose dette da De Luca potrebbero trovare riscontro.

Siamo uomini di mondo e sappiamo che le lobby ci sono un po’ ovunque e che spesso sono solo un modo legittimo per difendere interessi legittimi. Però quel ministero ci ha dato un po’ troppo da pensare negli ultimi mesi.

Lo lasciano sospettare cose come l’inerzia e il muro di gomma davanti a una strage da 40 vittime come quella di Acqualonga e la sostanziale impotenza nel cambiare l’opaco meccanismo che assicura ai gestori autostradali adeguamenti tariffari ogni anno.

Dal ministero stiamo poi aspettando risposte riguardo alla sicurezza di caselli a cavalcavia realizzati da un imprenditore campano sospettato di camorra, Mario Vuolo.

Per questo ora torna a farsi sentire Gennaro Ciliberto, che era a conoscenza di vizi costruttivi di queste strutture e li ha denunciati a varie Procure assieme ai sospetti su come Vuolo sia riuscito ad aggiudicarsi tanti di questi lavori, assegnati da Autostrade per l’Italia.

Ciliberto chiede chiarezza direttamente al ministro, Maurizio Lupi (che il toto-ministri di queste ore dà per riconfermato anche in un eventuale governo del rottamatore Matteo Renzi).

Ecco qui di seguito la sua lettera aperta … clicca QUI per continuare la lettura

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: