Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

In Lombardia, se rottami poi acquisti, non paghi il bollo per 3 anni

un articolo che leggo su Rinnovabili.it che ben si abbina alla promozione che ho ricevuto l’altro giorno per la Yaris ibrida, con uno sconto del 18% … se non fosse che non è il momento di tirare fuori soldi, con l’aria che tira…

Ho fatto due conti; il risparmio sul carburante l’ho stimato in 300 €/anno e quello per il bollo 180-200 € all’anno (per 3 anni), ma poi aumenterebbe quello assicurativo (stimato in 400 € per il primo anno, incluse le polizze aggiuntive, che ora non ho, vista l’età della Toyota) e quindi non se ne esce. Insomma, vorrei, ma non posso.

* * *

Vecchia auto addio. In Lombardia, con la rottamazione e l’acquisto di un veicolo meno inquinante è possibile essere esentati dal pagamento della tassa automobilistica regionale per i successivi tre anni.

A stabilirlo è una delibera della Giunta Regionale, intenzionata a perseguire politiche ben precise per la difesa della qualità dell’aria e la lotta all’inquinamento atmosferico e fedele a quanto stabilito dal Piano Regionale degli Interventi per la Qualità dell’Aria in merito al rinnovo dei veicoli più inquinanti.

Al beneficio di esenzione del pagamento del bollo possono accedere sia i privati cittadini, automaticamente e sulla base dei dati in possesso degli uffici regionali, sia i contribuenti che svolgono attività economica e presentino apposita dichiarazione (“sull’adesione al beneficio – si legge nella delibera della Giunta Regionale – e sulla conformità alle disposizioni comunitarie in materia di aiuti di Stato in regime de minimis”).

La delibera della Giunta Regionale stabilisce anche le caratteristiche tecniche che devono avere i veicoli in questione: quelli da rottamare, possono essere autovetture oppure autoveicoli per il trasporto merci con massa inferiore a 3,5 tonnellate, entrambe le tipologie appartenenti alle classi emissive Euro 0 (benzina o diesel), Euro 1, Euro 2 ed Euro 3 diesel.

Quelli da acquistare, invece, possono essere veicoli destinati al trasporto di persone (massimo 8 oltre al conducente) o di merci (con massa non superiore a 3,5 tonnellate), ma con alimentazione bifuel doppia alimentazione (benzina/GPL o benzina/metano), ibrida (benzina/elettrica), a benzina con classe emissiva Euro 5 o superiore, oppure a gasolio, ma con classe emissiva Euro 6.

Secondo quanto stabilito dalla delibera, che potrebbe diventare una vera e propria best practice buona pratica da seguire anche in altre regioni d’Italia, l’esenzione dal pagamento delle tre annualità di imposta avrà decorrenza dal mese di immatricolazione del nuovo veicolo acquistato in seguito alla rottamazione di quello vecchio più inquinante, che potrà in questo modo essere opportunamente avviato al riciclo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: