Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Ecco il nuovo Codice: soldi in cambio di punti, più controlli automatici e meno ricorsi

di Maurizio Caprino

È stata la solita faticata, testimoniata dai due mesi di ritardo rispetto agli ultimi annunci. Però quel che conta è che un accordo di base lo abbiano trovato.

Così giovedì scorso il comitato ristretto della commissione Trasporti della Camera ha messo insieme un testo unificato di legge delega per la riscrittura del Codice della stradaLeggi la notizia e il testo, da far votare alla stessa Commissione prima di mandarlo in discussione in aula e poi al Senato.

Molti punti (aumento dei controlli automatici, regole più severe in difesa di ciclisti e pedoni) erano noti. Altri sono stati aggiunti a sorpresa. Vediamo un po’.

Ma prima facciamo una premessa: tutte le novità non solo sono suscettibili di ulteriori modifiche nei prossimi passaggi parlamentari, ma sono anche vaghe, perché espresse sotto forma di “criteri di delega”.

Infatti, chi poi scriverà le norme precise sarà il Governo: una legge delega non è altro che una lista di princìpi dettati dal Parlamento, che poi i tecnici governativi devono dettagliare in quelli che dovrebbero essere i futuri articoli del Codice.

Alla fine, questi articoli torneranno al Parlamento, che dovrà valutare se sono in linea con la delega (quando si va nel dettaglio, le possibilità di “deviazione” non sono poche) e approvarli definitivamente.

La novità più importante dell’ultimora è un meccanismo che – in alcuni casi, non gravi e da individuare tassativamente – consentirà di pagare un supplemento di multa a chi vuol evitare la decurtazione di punti.

Già oggi, di fatto, è così: non rispondi all’invito a comunicare i dati del conducente (o dichiari di non sapere chi è) e poi ti arriva un verbale da 284 euro per l’omessa comunicazione. La differenza sarà che potranno evitare la decurtazione anche quelli che saranno fermati e identificati subito. Bisognerà vedere se il “supplemento” costerà di meno o di più rispetto ai 284 euro.

C’è poi la volontà di differenziare le competenze tra … continua la lettura QUI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: