Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Conte.It e Direct Line nel mirino dell’Antitrust

in sintesi un articolo che leggo su SicurAuto

Nel bollettino 23/14 dell’Autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato è stata resa nota la conclusione di un procedimento apertosi in luglio 2013 contro le due compagnie dirette inglesi Conte.it (Eui Limited, Gruppo ADMIRAL) e Direct Line (Directline Insurance Group).

L’istruttoria aveva evidenziato che in entrambi i casi il costo del premio previsto dal preventivo spesso non corrispondeva a quello poi chiesto all’assicurato.

Le due compagnie, sentite dal Garante avevano addotto a propria difesa la circostanza che spesso i consumatori forniscono informazioni inesatte e questo comporta un preventivo diverso dal costo calcolato una volta assunte le informazioni corrette.

Anche il secondo motivo che ha portato all’apertura del procedimento nei confronti delle due imprese assicuratrici è, in un certo qual modo, comune, trattandosi di omissione di informazioni in campagne promozionali.

Conte.it nella campagna centrata sul claimrisparmi il 50%, faceva genericamente riferimento al profilo di assicurato Roma 3 (Italiano 40 anni, residente a Roma, neo assicurato, patente a 18 anni, con ford Focus 1.6), del libretto rosso Quattroruote, senza però chiarire nei confronti di chi tale profilo potesse risparmiare il 50%.

Ovvero nei confronti del premio più alto sul mercato, restando l’offerta di Conte.it-EUI Limited al sesto posto in una classifica comparata, dietro ad altre compagnie dirette.

Direct Line invece proponeva i suoi “2 mesi di polizza gratis genericamente, senza rivelare che l’offerta era solo per i neo assicurati che pagavano con carta di credito.

Per evitare pesanti sanzioni, le due compagnie dirette si sono date da fare per proporre rimedi che potessero essere ritenuti soddisfacenti dal Garante.

Gli impegni presi da Conte.it-EUI Limited e Direct Line hanno soddisfatto il Garante, che delibera di non procedere ad accertamento di infrazione (quindi di non irrogare sanzioni).

Gli impegni proposti però dovranno essere pubblicati nelle forme indicate dal Garante per 90 giorni sui siti www.conte.it e www.directline.it.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: