Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

La nuova etichetta energetica degli aspirapolvere

aspirapolverein sintesi un articolo che leggo su Altroconsumo – articoli correlati QUI

Dal primo settembre una nuova etichetta energetica accompagnerà gli aspirapolvere europei, in accordo alle nuove direttive EU.

Sette classi di efficienza, limite di 1600 W per ogni apparecchio e una soglia minima di aspirazione.

Il wattaggio* è solo uno dei punti delle nuove direttive europee, in materia di efficienza energetica e prestazioni, che dal primo settembre 2014 entreranno in vigore.

* Maggiore era il wattaggio migliore le performance del prodotto, una credenza, pubblicizzata dai costruttori; quest’ultimo è sinonimo solo di un maggiore consumo energetico, cosa che ovviamente è meglio evitare.

I punti chiave saranno:

  • Gli aspirapolvere non potranno essere prodotti con una potenza superiore a 1600 Watt, limite che scenderà a 900 W nel settembre 2017.
  • Saranno sette le classi energetiche, dalla A (la più efficiente) alla G (la meno efficiente)
  • Ci sarà un limite sul consumo annuale di energia, meno di 62 kWh annui.
  • La capacità di aspirazione dovrà raggiungere minimo il 70 % sui tappeti e il 95% sui pavimenti duri (ad esempio, piastrelle, parquet, marmo)

tmpc931

Queste nuove normative saranno applicate solo alle aspirapolveri e alle scope elettriche, escludendo però quelle a batteria, i robot e gli aspirapolvere centralizzati così come lava pavimenti e apparecchiature per esterni.

Dal settembre 2017 è poi previsto un nuovo passo in avanti: non solo la potenza assorbita sarà diminuita ancora, ma anche gli aspirapolvere con filtro ad acqua saranno obbligati a uniformarsi a queste regole.

Dal punto di vista ambientale si tratta quindi di un’iniziativa importante. Ma per il consumatore è davvero una modifica utile?

Queste nuove direttive lasciano spazio ai produttori nella scelta delle condizioni di contorno con cui verificare le prestazioni degli apparecchi. C’è inoltre una notevole flessibilità nell’uso dei parametri per la classificazione che può far sorgere molti dubbi sul posizionamento di alcuni prodotti.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: