Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Vini bianchi Bio: come scegliere il migliore

vino biancoun articolo che leggo su Altroconsumo

Buoni all’assaggio,  dall’aroma persistente e privi di pesticidi e metalli pesanti. Stiamo parlando dei quattordici vini bianchi biologici presi in considerazione nei nostri test.

Le analisi di laboratorio hanno, infatti, rivelato che tutti i prodotti testati sono vini di ottima qualità, per i quali non è nemmeno necessario dover sborsare cifre da capogiro.

Gli aspetti che abbiamo preso in considerazone sono stati molteplici:

abbiamo verificato che il grado alcolico osservato in laboratorio corrispondesse a quello effettivamente dichiarato: tutti i prodotti rientrano perfettamente nella tolleranza di legge (0.5 % vol.), con la sola eccezione di un campione (Romignano Toscana IGT Bianco Meriggio 2013), per il quale il grado osservato non rispetta la tolleranza stabilita, risultando inferiore al dichiarato di 0.8 % vol.

il quantitativo di zuccheri presenti

l’acidità totale (fondamentale per la buona riuscita del vino, ne permette una lunga conservazione) e volatile (segnala lo stato di conservazione dei vini ed eventuali loro alterazioni), ottenendo sempre giudizi ottimi.

la presenza di anidride solforosa e solfiti  (risultati molto buoni: nella maggior parte dei vini i quantitativi ritrovati sono particolarmente bassi).

Per tre vini, in linea con quanto dichiarato in etichetta, i solfiti risultano praticamente assenti.

Il rapporto tra anidride solforosa libera e solforosa totale, significativo in quanto ci dà indicazioni sulla qualità della tecnologia utilizzata, non ha dato invece in genere risultati brillanti. 

la presenza di pesticidi che vengono più utilizzati sulle uve: la ricerca di 390 fitofarmaci è risultata vana. In tutti i prodotti i pesticidi sono infatti risultati assenti (la legge per i prodotti biologici esclude teoricamente l’uso di pesticidi, ma ammette in caso di grave rischio per una coltura l’uso di alcuni prodotti fitosanitari autorizzati nella produzione biologica).

i metalli pesanti più diffusi in quanto contaminanti ambientali, quali cadmio e piombo. Anche in questo caso non sono mai stati ritrovati, con l’eccezione di 2 campioni (Meloni – Vermentino di Sardegna DOC Il Germoglio 2013 e Perlage – Chardonnay delle Venezie IGT Eleganza 2013), nei quali sono stati rilevati quantitativi di piombo comunque trascurabili, nel massimo rispetto della legge.

Per cercare di evitare il più possibile qualsiasi tipo di condizionamento, i vini sono stati presentati ai giudici in forma anonima, senza cioè fornire alcuna informazione in merito.

Questi vini sono risultati nel complesso ben graditi. Più della metà dei prodotti riceve un giudizio ottimo o buono, mentre i rimanenti sono stati considerati accettabili. I principali fattori dell’analisi sensoriale sono stati la ricchezza aromatica e la persistenza degli aromi una volta deglutito il sorso.

Come spesso accade, anche in questo caso non sempre esiste una relazione proporzionale tra qualità e prezzo. Il vino Migliore del test, infatti, ha un costo di 5,13 €, mentre un vino dal prezzo di 10,05 € si situa in ottava posizione.

Il vino più costoso (10,86 €) vince la terza posizione, ma comunque si posiziona per qualità dietro a vini con un costo inferiore ai 7,5 €.

Un prezzo più alto, quindi, non è sempre indice di migliore prodotto.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: