Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Pasta Girolomoni: ritirate le penne integrali bio per ocratossina A

attenzioneÈ stato ritirato un lotto di pasta Girolomoni biologica per la presenza di livelli elevati di ocratossina A.

Si tratta delle penne rigate integrali di farro cod. articolo: PF102 – cod. EAN:8032891761021, nella confezione da 500 grammi con termine minimo di conservazione e numero di lotto 25/06/2016.

L’ocratossina A è una micotossina neurotossica prodotta da specie dei generi Aspergillus e Penicillium.

Il prodotto è stato distribuito in Italia in 85 punti vendita dedicati al biologico, che sono già stati allertati e invitati a ritirare la pasta dagli scaffali. La distribuzione di tale lotto è avvenuta anche all’estero: in Francia, Germania, Irlanda e Spagna.

continua la lettura QUI > Pasta Girolomoni: ritirate le penne integrali bio per ocratossina A — Il Fatto Alimentare.

penne_integrali_farro

ricevo e pubblico

Cari amici di Paoblog, desidero informarvi di una spiacevole vicenda e fare chiarezza in nome della trasparenza e la serietà che da sempre ci appartiene e che sono fiero di avere imparato da mio padre Gino.

La qualità è per noi un scelta etica, quindi abbiamo provveduto a ritirare dal mercato un lotto di pasta integrale di farro biologica Girolomoni (SPAGHETTI INTEGRALI DI FARRO 500g GIROLOMONI TMC: 25.06.2016 e PENNE INTEGRALI DI FARRO 500g GIROLOMONI TMC 25.06.2016)

La nostra azienda ha implementato al suo interno un piano di autocontrollo, piano che viene rivisto ogni anno da un ente di certificazione esterno per valutarne l’efficacia.

Da questo autocontrollo è stato riscontrato un valore di “Ocratossina A” superiore ai limiti stabiliti dalla legge europea. Pur oltrepassando questi limiti, non sussiste un pericolo per il consumatore, qualora questa tossina non venga assunta in dosi massicce e per tempi prolungati.

I nostri controlli non si limitano a quelli richiesti dalla legge, ma vanno oltre, con un processo di controllo e analisi in ogni fase della produzione che ci permette di ridurre al minimo situazioni di questo tipo.

Purtroppo le condizioni meteo dello scorso anno hanno, probabilmente, fatto aumentare il rischio di sviluppo di alcuni funghi nello stoccaggio delle materie prime che, per il lotto in questione, abbiamo acquistato da un’altra cooperativa.

Ho voluto personalmente mettervi al corrente di quanto accaduto e darvi la mia piena disponibilità per ogni chiarimento o ulteriore informazione.

Il mio impegno presente e futuro è lavorare con passione nel pieno rispetto e nell’interesse di chi, ogni giorno, sceglie di portarci sulla tavola.

Giovanni Battista Girolomoni
Presidente Gino Girolomoni Cooperativa Agricola

5 commenti su “Pasta Girolomoni: ritirate le penne integrali bio per ocratossina A

  1. Girolomoni
    15 ottobre 2014

    Cari amici di Paoblog, desidero informarvi di una spiacevole vicenda e fare chiarezza in nome della trasparenza e la serietà che da sempre ci appartiene e che sono fiero di avere imparato da mio padre Gino.

    La qualità è per noi un scelta etica, quindi abbiamo provveduto a ritirare dal mercato un lotto di pasta integrale di farro biologica Girolomoni (SPAGHETTI INTEGRALI DI FARRO 500g GIROLOMONI TMC: 25.06.2016 e PENNE INTEGRALI DI FARRO 500g GIROLOMONI TMC 25.06.2016)

    La nostra azienda ha implementato al suo interno un piano di autocontrollo, piano che viene rivisto ogni anno da un ente di certificazione esterno per valutarne l’efficacia.
    Da questo autocontrollo è stato riscontrato un valore di “Ocratossina A” superiore ai limiti stabiliti dalla legge europea. Pur oltrepassando questi limiti, non sussiste un pericolo per il consumatore, qualora questa tossina non venga assunta in dosi massicce e per tempi prolungati.
    I nostri controlli non si limitano a quelli richiesti dalla legge, ma vanno oltre, con un processo di controllo e analisi in ogni fase della produzione che ci permette di ridurre al minimo situazioni di questo tipo.
    Purtroppo le condizioni meteo dello scorso anno hanno, probabilmente, fatto aumentare il rischio di sviluppo di alcuni funghi nello stoccaggio delle materie prime che, per il lotto in questione, abbiamo acquistato da un’altra cooperativa.

    Ho voluto personalmente mettervi al corrente di quanto accaduto e darvi la mia piena disponibilità per ogni chiarimento o ulteriore informazione.
    Il mio impegno presente e futuro è lavorare con passione nel pieno rispetto e nell’interesse di chi, ogni giorno, sceglie di portarci sulla tavola.

    Giovanni Battista Girolomoni
    Presidente Gino Girolomoni Cooperativa Agricola

    • paoblog
      15 ottobre 2014

      Vi ringrazio del commento che ho riportato nel testo del post per far si che sia usufruibile da subito anche dal lettore meno attento.

      Da parte mia, un plauso ad un’azienda che di fronte ad un problema, non si trincera dietro diffide legali, ma dialoga con il consumatore, mettendosi a disposizione per eventuali approfondimenti.

  2. Poppea
    15 ottobre 2014

    Non conosco la pasta in questione, ma un plauso per la serietà

  3. Girolomoni
    17 ottobre 2014

    Cari amici di Paoblog,

    in seguito alla spiacevole scoperta di un fungo del genere Aspergillus e Penicillium abbiamo immediatamente provveduto a ritirare dal mercato un lotto di pasta integrale di farro biologica Girolomoni (SPAGHETTI INTEGRALI DI FARRO 500g GIROLOMONI TMC: 25.06.2016 e PENNE INTEGRALI DI FARRO 500g GIROLOMONI TMC 25.06.2016).
    Abbiamo poi mandato ad analizzare tutte le altre produzioni di pasta integrale di farro precedenti e successive a questo lotto.

    Purtroppo oggi ci sono pervenuti i risultati delle analisi che hanno riscontrato in un altro lotto di pasta un valore di “Ocratossina A” (che si sviluppa dai funghi sopra citati) superiore ai limiti stabiliti dalla legge europea, per i seguenti prodotti: SPAGHETTI INTEGRALI DI FARRO 500g GIROLOMONI TMC: 17.07.2016 e PENNE INTEGRALI DI FARRO 500g GIROLOMONI TMC 15.07.2016. Pur oltrepassando questi limiti, non sussiste un pericolo per il consumatore, qualora questa tossina non venga assunta in dosi massicce.
    Per precauzione è consigliato comunque non consumare il prodotto dei lotti in questione e vi invitiamo a renderlo dove lo avete acquistato.

    La nostra cooperativa da oltre 40 anni cerca ogni giorno di portare qualità ed etica sulle vostre tavole e non ha mai riscontrato questo problema. Questo fungo si sviluppa per cause naturali ed è probabile che i cambiamenti climatici di questi anni (piogge e umidità elevate), hanno influito negativamente portando allo sviluppo di questo fungo.

    Da parte nostra ci siamo subito attivati per ritirare il prodotto dal mercato e avvisare i consumatori dell’accaduto e stiamo gestendo la situazione nella massima trasparenza e in collaborazione con le autorità sanitarie competenti.
    Sono già state attivate tutte le misure necessarie per tenere sotto controllo la situazione, ed evitare che il problema si possa nuovamente verificare.

    Vi porgo personalmente le mie scuse, assicurandovi che stiamo affrontando il problema con la massima serietà e affidabilità come abbiamo sempre fatto.

    Giovanni Battista Girolomoni
    Presidente Gino Girolomoni Cooperativa Agricola

  4. Pasta biologica
    13 novembre 2014

    Buono a sapersi! Dobbiamo essere più attenti ciò che mangiamo.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: