Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Per risolvere i problemi di consumo (bollette, garanzie, ecc.) l’Unione Naz. Consumatori lancia la “pagina delle soluzioni”

Screenshot 2014-10-15 08.31.19“Soluzioni per i problemi delle persone: è questa la principale funzione che un’associazione dei consumatori dovrebbe fornire alla gente e noi, all’interno del nostro nuovo sito, accettiamo la sfida!”.

E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori, lanciando il restyling della pagina dedicata ai reclami sul sito dell’associazione.

“Cerchiamo di rendere il rapporto con i consumatori più semplice e veloce -afferma Dona (segui @massidona su Twitter)- per questo, nella home page del nostro sito si incontra una domanda diretta: ‘Hai un problema da risolvere?‘. Gli utenti, cliccando su quest’area possono scegliere la modalità che preferiscono per denunciare i disservizi e chiedere aiuto”.

“Questo meccanismo diventa però straordinariamente innovativo al suo interno -aggiunge il Segretario generale- non più solo il classico modulo per mandare una email, ma dei canali diretti per ogni singola azienda, quelle del mass-market, quelle con cui ciascuno di noi può avere un problema da risolvere (da Tim a Vodafone, passando per Wind e h3g; da Enel ad Eni a Edison, A2A e Acea; da Alitalia a Poste e poi Unicredit, Intesa Sanpaolo e molte altre).

Insomma, ecco che per le controversie con le aziende con cui abbiamo sottoscritto un protocollo di conciliazione basterà cliccare sul logo corrispondente descrivendo in modo dettagliato il disservizio (oppure una pubblicità o una pratica commerciale ritenuta ingannevole o scorretta) per trovare una soluzione!

Ma non è tutto: la pagina delle soluzioni si arricchisce di sportelli tematici per e-commerce, turismo-viaggi, auto e moto, così come per la consulenza del notaio (riservata agli iscritti).

Per i reclami generici, infine, è possibile utilizzare il modulo generico, cliccando sul box “Segnalaci il tuo problema“.

“Il primo passo per far valere i propri diritti è l’autodifesa -conclude Massimiliano Dona- nella pagina dedicata alle segnalazioni, i consumatori possono trovare anche i moduli per avviare un reclamo e richiedere un rimborso da sé e una raccolta delle domande (FAQ) che più frequentemente giungono ai nostri sportelli, con le risposte utili per imparare dalle esperienze altrui. Insomma, per tutelarsi basta un clic!”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: