Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

In 5 anni la spesa media delle famiglie italiane si è ridotta di oltre 1.500 €

In media una famiglia spende 1507 euro in meno rispetto al periodo precrisi. Dal 2008 al 2013 i consumi di una famiglia media (2,3 componenti) sono passati, infatti, da 29.816 a 28.309 euro, scendendo del 5,05%.

E’ questo il primo dato che emerge dallo studio che l’Unione Nazionale Consumatori ha condotto sui consumi delle famiglie dal 2008 al 2013. Durante la crisi sono precipitate le spese non obbligate e sono state danneggiate maggiormente le famiglie numerose.

Di seguito l’andamento dei singoli capitoli di spesa per alcune tipologie familiari (coppia con 2 figli, coppia con 1 figlio, single con meno di 35 anni, persona sola con 65 anni o più) e, nell’ultimo capitolo, il confronto, in termini reali, tra la spesa complessiva del 2008 (rivalutata al 2013)  e quella del 2013.

Per le coppie con 2 figli, la classica famiglia, i consumi annui hanno avuto una riduzione percentuale del 7,93%, pari a 2987,64 euro. Il capitolo di spesa che ha subito la maggiore contrazione è quello dell’ “Abbigliamento e calzature” con un calo del 26,49%.

In valore assoluto si tratta di una minor spesa pari a 719,52 euro. La voce che registra la seconda maggiore diminuzione percentuale, -19,96%,  è quella di “Mobili, elettrodomestici e servizi per la casa”, una differenza tra il 2008 ed il 2013 pari a -389,16 euro.

“Si tratta, in entrambi i casi, di acquisti di beni superflui, rinviabili a tempi migliori ed indicano, nella migliore delle ipotesi, la volontà delle famiglie di risparmiare, mentre, nella peggiore, l’impossibilità di mantenere lo stesso tenore di vita” ha dichiarato Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori.

Al terzo posto la voce “Sanità”, – 19,76%, -260,64 euro. “La contrazione di quest’ultima voce è quella che dovrebbe destare maggiore preoccupazione e allarme sociale, dato che di tratta di spese necessarie, difficilmente comprimibili. Indica la difficoltà delle famiglie ad arrivare a fine mese. Per alcune famiglie andare dal dentista è diventato un lusso che non si possono permettere” ha proseguito Dona.

Le 3 voci che registrano invece un aumento sono: “Abitazione”, “Combustibili ed energia” ed “Istruzione”.

“Si tratta voci che, per quanto in controtendenza, non sono indicative di una congiuntura positiva. Si tratta, infatti, di spese tipicamente obbligate, non aumentate, quindi, per scelta o per un aumento della propensione marginale al consumo” ha concluso Dona.

Screenshot 2015-01-12 10.51.58Per le coppie con 1 figlio i consumi annui hanno avuto una riduzione percentuale del 6,45%, pari a 2316 euro. Il capitolo di spesa che ha subito la maggiore contrazione dal 2008 al 2013 è, come per le coppie con 2 figli, quello dell’Abbigliamento e calzature, con un calo del 31,48%, pari a 772,20 euro.

Al secondo posto si conferma, anche in questo caso, la voce “Mobili, elettrodomestici e servizi per la casa”, con una caduta della spesa pari al 22,18%, – 435 euro. Al terzo posto la voce “Comunicazioni” (-14,46%,  – 103,32 euro).

Anche se si colloca al quarto posto in termini percentuali, è significativo, in valore assoluto, il crollo della voce “Altri beni e servizi”, una contrazione di ben 537,24 euro.

La voce, ricordiamo, include i servizi ricettivi e di ristorazione. “Potremmo tradurre questo dato dicendo che le coppie con 1 figlio hanno smesso di andare al ristorante” ha commentato Dona.

Screenshot 2015-01-12 10.55.44Per i single, i consumi annui hanno avuto una riduzione percentuale dell’1,47%,  pari a 332,52 euro.  I single, durante la crisi, hanno dovuto ridurre, in particolare, quanto spendevano per il “Tempo libero, cultura e giochi”. E’ questo il dato che emerge dalla tabella 3.

Prima della crisi spendevano molto per questo capitolo di spesa. Con 1.176 euro all’anno, infatti, nel 2008 risultano quelli che, in proporzione al numero di componenti della famiglia, spendono maggiormente. Nel 2013, invece, spendono meno rispetto ad una persona sola con 35-64 anni.

Dal 2008 al 2013 la spesa per il tempo libero scende del 30,08%, con un calo di 354 euro. Ovviamente si tratta della riduzione di una spesa tipicamente non obbligata, il cui calo, quindi, non è indice di povertà e non desta allarme sociale.

Al secondo posto “Abbigliamento e calzature”, -23,54% (- 356,28 euro), al terzo “Mobili, elettrodomestici e servizi per la casa” con una diminuzione del 14,85%,  – 151,8 euro.

Screenshot 2015-01-12 10.57.06

La tabella 4 indica che, per le persone sole con 65 anni, dal 2008 al 2013  tutti i capitoli di spesa sono aumentati.

La spesa complessiva è salita di 2146,44 euro (+12,72). Il risultato può sembrare inaspettato e potrebbe indurre a ritenere che chi ha più di 65 anni vive bene, senza dover fare rinunce.In realtà gli incrementi di spesa indicano che i loro consumi, essendo già nel 2008 ridotti allo stretto necessario, non possono comprimersi ulteriormente.

Se consideriamo anche l’inflazione, infatti, come nella tabella 5, ecco che gli acquisti in volume, in termini reali, risultano, in realtà, diminuiti per la gran parte delle voci.

Se in termini nominali, la spesa sale dal 2008 al 2013 di 2.146 euro, passando da 16.876 a 19.022 euro, la spesa in termini reali, infatti, scende, come risulta dalla tabella 5, di 89 euro, restando sostanzialmente stabile.

“Gli anziani nel 2013 hanno speso di più per far fronte all’aumento del costo della vita, ma dal punto di vista quantitativo consumano quanto consumavano nel 2008” ha dichiarato Dona.

Le voci che hanno avuto il minor incremento, “Istruzione” a parte, sono, nell’ordine: Abbigliamento e calzature (+0,46%), Comunicazioni (+6,50), Sanità (+8,56).

Screenshot 2015-01-12 10.58.17

Dallo scoppio della crisi i consumi reali delle famiglie sono crollati. Per tenere conto della dinamica dei prezzi e confrontare i livelli di spesa in termini reali, nella Tabella 5 si è rivalutata al 2013 la spesa delle famiglie del 2008, comparandola poi con quella effettiva del 2013.

Dal confronto si evidenzia che il crollo maggiore dei consumi in questi anni di crisi ha riguardato le famiglie numerose. Le coppie con figli, infatti, occupano, i primi 3 posti in classifica sia in termini di riduzione percentuale della spesa sia rispetto al calo della spesa in valore assoluto.

In particolare il crollo record, pari al 21,97% è quello dei consumi delle coppie con 3 o più figli, con una riduzione in valore assoluto ed in termini reali pari di 9.685 euro, da 44.092 euro (spesa del 2008 rivalutata al 2013) ai 34.407 euro del 2013.

Al secondo posto le coppie con 2 figli. I consumi annui per questa tipologia familiare scendono da 42.671 euro ai 34.691 del 2013, con una diminuzione in valore assoluto pari a 7.980 euro ed una riduzione percentuale del 18,70%.

Al terzo posto di questa poco confortante classifica le coppie con 1 figlio, che dal 2008 al 2013 hanno visto ridursi i consumi annui in termini reali del 17,39%, da 40.668 euro a 33.594, con un calo equivalente a 7.074 euro su base annua.

“Le famiglie con figli in questi anni di crisi hanno dovuto drasticamente ridurre i loro consumi. Avere un figlio in Italia, insomma, è sempre più un lusso. Gli stipendi delle coppie con figli non bastano più per arrivare a fine mese ed il crollo dei consumi, in termini reali, tra il 2008 ed il 2013, oscilla tra 9.685 a 7.074 euro. Cifre impressionanti” ha dichiarato Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori.

Screenshot 2015-01-12 11.00.33Fonte: Ufficio Stampa UNC

Iscriviti all’Unc, ecco i vantaggi

Un commento su “In 5 anni la spesa media delle famiglie italiane si è ridotta di oltre 1.500 €

  1. IlPrincipeBrutto
    12 gennaio 2015

    >> In media una famiglia spende 1507 euro in meno rispetto al periodo precrisi.
    .
    E’ una crisi di domanda, e’ ovvio ed e’ stato ripetuto molte volte.
    .
    Altrettanto ovvia e’ la risposta: rendere la gente piu’ licenziabile, e ridurre ulteriormente la domanda, per il tramite dei tagli alla spesa pubblica.
    .
    Come dite? non sembra una risposta tanto logica?
    .
    sicuri si diventa, ride safe.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: