Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Quello che non ho pubblicato questa settimana

edicolaLeggo molti articoli che ritengo d’interesse generale, ma questo è un Blog personale e non una rassegna stampa, per cui spesso vado oltre e segnalo i vari articoli sulla Pagina Facebook del Blog.

Alcuni di questi articoli, però, ben si integrano con post già pubblicati, per cui in questo post trovi i link di contenuti che ritengo interessanti da leggere.

* * *

Ancora una volta la testimonianza del fatto che usare al meglio i social è utile ovvero le proteste “pubbliche” fanno scattare le aziende a differenza delle raccomandate.

I call center che fanno riferimento a Fastweb mi rompono le scatole da anni, nonostante la richiesta scritta di cancellazione dati, ricevuta da Fastweb, ma mai applicata e successiva segnalazione al Garante ed istruttoria.

Tutto inutile, poi oggi mi vien l’idea di lasciare un commento su FB e, come per magia, si scusano e mi chiedono chiarimenti per risolvere le cose.. vedi anche: https://paoblog.net/2013/10/15/consumatori-181/

Altra sconfitta per il Comune di Milano e per i Comuni che inviano le multe tardive. Sono quei verbali che arrivano a casa dei sanzionati oltre i 90 giorni dall’infrazione: una pratica contro cui s’è opposto anche il ministero dei Trasporti e quello dell’Interno, che segue le indicazioni della Corte costituzionale. Stavolta, è stato il G.d.P. di Milano ad annullare la multa tardiva del Comune –  approfondisci: http://www.sicurauto.it/sentenze-e-leggi-cds/news/multa-oltre-90-giorni-altra-sentenza-a-favore-dellautomobilista.html

Sì alle rinnovabili e all’efficienza energetica, ma anche ai combustibili fossili, al carbone “pulito” e al nucleare. La strategia sull’Unione dell’Energia, presentata oggi da Bruxelles, non sembra disdegnare nessuna tecnologia – approfondisci: http://www.rinnovabili.it/…/unione-dell-energia-commission…/

La notizia è meno scontata di quello che potrebbe sembrare, perché finora non erano stati condotti studi di grandi dimensioni sulla relazione tra i pesticidi nell’organismo e quelli assunti tramite l’alimentazione di tutti i giorni. Chi consuma abitualmente frutta e verdura biologiche espone il suo organismo a minori quantità di pesticidi ed erbicidi rispetto a chi mangia vegetali coltivati con i metodi convenzionali.

Questo può avere effetti sulla sua salute, dal momento che alcune sostanze sono state associate a diversi effetti negativi sia di tipo acuto (tremori, cefalea, difficoltà respiratorie) sia cronico (disturbi neurologici, ansia), sia per quanto riguarda l’esposizione in gravidanza dei feti (ritardo mentale, basso quoziente intellettivo e altro) > approfondisci: http://www.ilfattoalimentare.it/pesticidi-frutta-verdura-biologica.html

aggiungo una nota chiaramente polemica destinata a chi ha diffuso e condiviso con leggerezza il video-bufala segnalato nel post del 6 febbraio: gli articoli de Il Fatto Alimentare, di Query, i video degli addetti ai lavori, fanno INFORMAZIONE, a differenza vostra che create inutile allarmismo e di fatto confondete i consumatori. E la Disinformazione non ci serve. Vedi: http://youtu.be/I5yXpSrbJko

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: