Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Debutta lo scooter sharing: a cosa fare attenzione

Yamaha scooter EC-03La condivisione dello scooter  scooter sharing) è un bel servizio che si porta dietro alcune perplessità delle quali scrivevo tempo fa, pensando a quanto vedo con la condivisione auto (car sharing), in primis di Car2go con auto parcheggiate come capita, stili di guida & comportamenti discutibili, (tanto l’auto non è mia … anche se comunque ne hai la responsabilità).

Condivido la condivisione (scusate il gioco di parole) di auto, moto e bici, ma è necessario che i conducenti si comportino nel rispetto del Codice della Strada; senza dimenticare poi che un uso saltuario del mezzo, non consente la completa padronanza dello stesso.

Mi chiedevo poi (senza polemica, me lo chiedo veramente) come sarà possibile gestire la sicurezza degli utenti del servizio e, in seconda battuta, degli altri che li incroceranno.

Ogni testa ha la sua misura, come si farà per il casco? L’utente dovrà portarsi dietro il suo?

lentein questo articolo che leggo su Altroconsumo che puoi leggere integralmente cliccando sul link trovo alcune risposte alle mie domande, per cui estrapolo un paio di passaggi che ritengo importanti.

Si parla di parcheggio e giusto l’altro giorno dopo aver letto un articolo del Corriere facevo notare ad alcuni amici che il servizio di condivisione dello scooter, così come con le auto, deve fare i conti con guidatori indisciplinati.

Leggevo infatti nella prova del servizio sul Corriere:

Il tre ruote più vicino è stato mollato in piena curva, in un divieto di sosta senza se e senza ma.

Questi mezzi parcheggiati “come capita” sono una costante che sembrano testimoniare che alla filosofia nazionale del “me ne frego” si abbini quella del “tanto non è mio (lo scooter)” …

Scrive in proposito Altroconsumo:

Soprattutto per chi è già abituato a utilizzare lo scooter in città, il parcheggio potrebbe diventare un problema.

I Piaggio MP3 di Enjoy possono essere parcheggiati solo negli spazi riservati agli scooter previsti all’interno del Comune di Milano, oppure nelle aree dedicate delle Eni Station.

Le moto non possono essere lasciate all’aeroporto di Linate e nemmeno nei parcheggi delimitati dalle strisce gialle (riservate ai residenti) o blu.

Non è possibile neanche parcheggiarle sui marciapiedi dove, nonostante sia vietato, gli scooter privati sostano abitualmente.

A proposito di questa abitudine…: Quando parcheggi lo scooter, pensa un attimo ai pedoni…/2

Un discorso a parte merita la sicurezza:

Il bauletto posteriore contiene due caschi e i sottocaschi (per ragioni igieniche) di taglia M e XL: il rischio è quello di indossarne uno di una taglia non nostra.
Ricordiamo che un casco di una misura che non è quella giusta non garantisce una protezione adeguata. Il casco va scelto, calzato e allacciato correttamente.
Perciò, se i due in dotazione non dovessero essere idonei, meglio portarsi dietro il proprio. Un sacrificio a favore della sicurezza, dal momento che, come dimostra anche il nostro video, gli incidenti in città sono numerosi e la giusta dotazione di sciurezza fa la differenza.
Visto che si parla di due ruote & sicurezza, suggerisco la lettura dei Consigli per una guida sicura, un corposo Pdf che puoi scaricare QUI redatto da Il Principe Brutto, un lettore affezionato del Blog.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: