Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Hai trovato la casa dei tuoi sogni, ma non puoi comprarla subito?

lenteChi ha detto che pagare l’affitto di una casa non possa essere un vero e proprio investimento?

Se hai trovato la casa dei tuoi sogni, ma non hai il capitale sufficiente per comprarla, puoi pagare l’affitto con un canone mensile maggiorato che verrà utilizzato in parte per pagare l’acquisto futuro dell’abitazione.

Con il “rent to buy” (affitta per comprare), si può stipulare un contratto che prevede come una parte dell’affitto versato dall’inquilino venga considerato come un acconto per l’acquisto della casa, senza superare, però, i dieci anni.

Cosa è necessario scrivere nel contratto

Esistono vari contratti atipici per l’acquisto di una casa. Come prima cosa, quindi, chi sceglie il “rent to buy” ha la necessità di scrivere esplicitamente che si tratta di un “Contratto di concessione del godimento con diritto di acquisto ai sensi dell’art. 23 del dl 12 settembre 2014, n. 133”.

La legge ha chiarito la parte fiscale e le tutele previste per le parti, lasciando comunque la possibilità a queste ultime di gestire buona parte del contenuto del contratto.

Perciò è importante mettersi d’accordo in modo da redigere il contratto senza lacune o ambiguità. Inutile dirlo, la soluzione migliore è affidarsi a un notaio.

continua la lettura qui > Rent to buy: dall’affitto all’acquisto – Altroconsumo.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23 luglio 2015 da in Consumatori & Utenti, Leggo & Pubblico con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: