Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Passare a Windows 10? Anche no (per ora)…

lenteAlcuni giorni fa con il Pupo Alpinista si parlava dell’opportunità o meno di aderire all’offerta di Microsoft per l’aggiornamento gratuito dei nostri PC che attualmente usano Windows 7 (ed in ufficio Windows 8.1).

Da parte mia gli ho detto che dopo aver letto un articolo di Altroconsumo (lo puoi leggere QUI) ho deciso di farne a meno fino a che sia possibile, perchè tutto sommato sembra essere un Win 8 rimaneggiato per venire incontro alle critiche riguardo a quest’ultimo Sistema operativo, fingendo che sia un prodotto nuovo.

Resta il fatto che l’adeguamento del S.O. spesso di porta dietro dei problemi con i driver delle periferiche oltre che, nello specifico, alla rimozione di Windows Media Center e dei i gadget per il desktop di Windows 7.

Oggi leggo un altro articolo, sempre di Altroconsumo, che infatti consiglia di aspettare…

Inizialmente sarà distribuito solo online, se hai intenzione di acquistarlo in negozio dovrai aspettare ancora un po’, probabilmente fino a dopo l’estate.

Stiamo parlando di Windows 10, la nuova versione del sistema operativo, disponibile dal 29 luglio.

Una novità introdotta con questa versione riguarda il fatto che Microsoft permetterà di effettuare l’aggiornamento gratuito al suo nuovo sistema operativo, per il primo anno dalla data di rilascio (29 luglio).

Questa possibilità sarà concessa agli utenti in possesso di licenza valida di Windows 7 e 8. Restano esclusi, invece, i possessori di Windows XP.

Il nostro consiglio, quindi, è di aspettare. Gli utenti di Windows 7 e 8 hanno tempo fino a luglio del 2016 per effettuare l’aggiornamento gratuitamente e questi due sistemi operativi saranno comunque supportati con patch e aggiornamenti almeno per un altro anno.

Nel frattempo, molti difetti e problemi che sicuramente si manifesteranno nella prima fase di transizione saranno risolti e anche il supporto a periferiche migliorerà  con il tempo.

Un computer su cui è già installato Windows 7 o 8 sarà perfettamente in grado di far funzionare anche Windows 10. In generale, anche un computer con cinque anni sulle spalle non dovrebbe aver problemi a utilizzare l’ultimo nato in casa Microsoft.

Qualche problema potrebbe esserci, invece, per quelli ancora più vecchi: la maggiore difficoltà, solitamente, risiede nel trovare i driver corretti per le varie periferiche.

I driver pensati per Windows 7 o 8 dovrebbero continuare a funzionare anche sotto Windows 10, limitando quindi i problemi di compatibilità.

La certezza assoluta, naturalmente, non esiste, quindi c’è da sperare che i produttori di periferiche si muovano con celerità e che non abbandonino al loro destino i prodotti più vecchi per forzare la gente ad acquistarne dei nuovi.

E per chi vuole acquistarlo? Come abbiamo ricordato, al momento è possibile comprare Windows 10 solo online.

Microsoft ha comunque confermato che le versioni retail (cioè acquistabili in negozio) saranno disponibili anche su chiavetta USB, per venire in contro a tutti coloro i quali possiedono un PC che non ha un lettore di dischi ottici (sono sempre di più i PC del genere, soprattutto fra i portatili). Il costo? 135 euro per la versione Home, mentre e 279 euro per la versione Pro.

Leggi anche il punto di vista di Paolo Attivissimo: Debutta Windows 10, che fare? Per ora, assolutamente nulla

4 commenti su “Passare a Windows 10? Anche no (per ora)…

  1. Poppea
    30 luglio 2015

    Io ho il 7, preferivo xp, però me lo tengo finchè non cambio pc, di solito ho sempre fatto così, se stai dietro a loro diventi scemo, la mia stampante che avevo con xp, ho dovuto portarla a click, dato che lì c’è ancora un pc che ha xp, perché il 7 non la riconosceva, la mia telecamera stesso discorso per cui andassero a farsi friggere, non ho ricomperato né l’una né l’altra

  2. milk8894
    30 luglio 2015

    Spett.le sig Paoblog

    leggo sempre con attenzione e curiosità gli argomenti e le notizie del blog.

    spesso mi hanno aiutato a comprendere alcune problematiche sociali, legali etc.

    ….

    a proposito di S.O. da diversi anni ho abbandonato definitivamente Windows (nella mia vita ho usato tutte le versioni, fino a windows 7 home), ho abbracciato la filosofia di Linux, attualmente uso la versione “distro=distribuzione” UBUNTU 14.04.

    ci faccio di tutto, come quando ero in windows … e credo anche di più.

    spaziando dal disegno tecnico, il pacchetto completo corrispondente al Ms-Office=OpenOffice, o LibreOffice (quest’ultimo che uso in ambiente linux, possiede anche altre 2 applicazione nonpreviste in quella di microsoft).

    IL TUTTO GRATUITAMENTE, SI AGGIORNA: GRATUITAMENTE OGNI 6 MESI; inoltre quando il sistema, reputa necessario eseguire dei piccoli aggiornamenti di routine, te lo propone con “delicatezza” e quando ha terminato, non fa come windows che quando ha terminato, uscendo dal pc, ancore ti blocca il computer.

    per quello che vale la mia opinione: NE SONO INNAMORATO, e da almeno 6 anni non mi è mai venuto il desiderio di ritornare in Windows.

    lascio un cordiale saluto ed un ringraziamento per il Vs. lavoro.

    Fausto Minuzzo (roma 30 lug 2015 – time: 19:27)

    MILK8894

    • paoblog
      31 luglio 2015

      per restare in argomento, il vecchio post con il quale l’amico Miro racconta il suo passaggio ad Ubuntu: https://paoblog.net/2008/12/02/ubuntu/

      il discorso si aggancia, nel suo piccolo, alla decisione presa un anno fa di abbandonare Office di Microsoft, che ad ogni “aggiornamento” diventava sempre più ostico da usare, con un “peso” esagerato e via dicendo…

      e dopo anni di mugugni, finalmente, lo strappo definitivo per passare ad OpenOffice, un prodotto gratis, equivalente e nel complesso facile da utilizzare da subito…

    • paoblog
      31 luglio 2015

      scrive oggi Paolo Attivissimo: Stando ai conteggi di Microsoft, sono già 14 milioni gli utenti che hanno installato Windows 10 nelle prime 24 ore di disponibilità del nuovo sistema operativo, che viene reso disponibile in forma scaglionata e gratuita per chi ha già un Windows recente.

      che poi aggiunge: considerato che Microsoft sta rilasciando moltissimi aggiornamenti per correggere difetti rimasti in Windows 10, consiglio di aspettare qualche settimana.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: