Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Vacanze tecnologiche: i cavetti da portare per essere sempre connessi

cellulareDa qualche tempo, nell’organizzazione del bagaglio bisogna fare i conti anche con la tecnologia, che ha modificato e continua a modificare i nostri stili di vita. E così la valigia si fa sempre più pesante e “accessoriata”.

Colpa, a dirla tutta, di smartphone, tablet, pc portatili, macchine fotografiche, videocamere e così via: tutti dispositivi che hanno bisogno di cavi e cavetti per funzionare e, soprattutto, per essere ricaricati.

Per evitare il “groviglio” e fare ordine cerchiamo di fare chiarezza sugli accessori giusti da portare in vacanza, per evitare i doppioni inutili e il peso eccessivo.

Sicuramente, la prima cosa da mettere nella lista degli oggetti da non lasciare a casa è il caricabatteria.

Esclusi i notebook, la maggior parte dei dispositivi può essere caricata con una presa usb e quindi, ai fini della nostra valigia, vuol dire poter portare e utilizzare un solo cavo.

Se la tua vacanza è all’estero (o in un Paese che utilizza uno standard di distribuzione dell’energia elettrica diverso dal nostro), devi assicurarti che l’alimentatore scelto accetti ogni tipo di tensione da 100V a 250V.

Ti consigliamo anche di munirti di un adattatore universale (di quelli con diverse spine da scegliere in base alla necessità) per le differenti prese di corrente.

Fai attenzione anche a un altro aspetto: il cavo usb permette di attaccarsi direttamente al computer per ricaricare, ad esempio, il cellulare.

Ma non tutte le porte usb sono uguali. Ne esistono di tre tipi: le semplici porte dati, le porte dati che permettono anche la ricarica e le porte per la sola erogazione di corrente elettrica.

Fonte & dettagli: Vacanze tecnologiche: i cavetti da portare per essere sempre connessi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: