Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

In pensione prima del tempo: in arrivo qualche novità

lenteLa novità del prepensionamento potrebbe partire, in via sperimentale, dal primo gennaio 2017 e consentirebbe alle classi dal 1951 al 1953 di lasciare il lavoro tre anni e sette mesi prima rispetto alla Riforma Fornero, con un taglio dell’assegno che può variare dal 5% al 15% in funzione della pensione e della durata dell’anticipo.

I soldi verrebbero anticipati da banche e finanziare e restituiti a rate, al raggiungimento dell’età pensionabile, con una durata ventennale.

Per i disoccupati e le categorie disagiate l’anticipo sarebbe senza costi perché a carico della fiscalità generale.

Per ricorrere al prepensionamento è necessario che sussistano alcune circostanze:

  • in situazioni di emergenza, cioè per le aziende con più di 15 dipendenti che abbiano un esubero di personale oppure che stiano avviando procedure di mobilità nei confronti dei lavoratori;
  • in questi casi, in accordo con i sindacati aziendali, è possibile incentivare le uscite anticipate dei dipendenti più prossimi alla pensione;
  • il provvedimento può essere applicato solo ai lavoratori a cui mancano non più di 4 anni al raggiungimento dei requisiti minimi per il pensionamento.

Il dipendente stipula in pratica un contratto a tempo parziale, con una riduzione tra il 40 e il 60% rispetto all’orario pieno.

Anche se lo stipendio viene decurtato, i contributi vengono versati e calcolati sulla base di retribuzione non più dovuta, per effetto del taglio dell’orario. La futura pensione, perciò, non subisce variazioni, perché è lo Stato che copre i contributi figurativi.

La richiesta è soggetta ad accettazione.

Purtroppo, infatti, anche se si hanno tutti i requisiti, le risorse messe a disposizione dalla Legge di stabilità sono limitate.

Sono stati stanziati 60 milioni di euro per il 2016, 120 milioni nel 2017 e 60 milioni nel 2018, una volta finiti questi fondi, l’Inps dovrà dire di no.

lettura integrale qui: In pensione prima del tempo: in arrivo qualche novità

Un commento su “In pensione prima del tempo: in arrivo qualche novità

  1. IlPrincipeBrutto
    16 settembre 2016

    >> I soldi verrebbero anticipati da banche e finanziare e restituiti a rate, al raggiungimento dell’età pensionabile, con una durata ventennale.
    .
    Cioe’ un mutuo per andare in pensione. Ma nessuno dice bau, ormai e’ diventato tutto normale.
    .
    Siamo ridotti a sperare in Marine Le Pen, ma il timore e’ che la Troika arrivera’ prima, e quello sara’ il punto di non ritorno.
    .
    sicuri si diventa, Ride Safe

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: