Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un milione di mozziconi gettati a terra ogni giorno, al via la campagna “Milano sai quanto ti amo?”

Ogni iniziativa per contrastare l’inciviltà dilagante è la benvenuta, dopo di che aggiungo una parola: Ottimisti. 😉

Non servono i cartelli seminati dai Comuni, non servono quelli affissi dai cittadini, non serve il buonsenso. D’altro canto manca totalmente il senso civico, l’educazione ed il rispetto delle norme.

L’invito dell’assessore Rozza “Mi rivolgo innanzitutto ai cittadini affinché siano loro i primi a richiamare chi butta la cicca di sigaretta per terra. ” non tiene conto del livello di aggressività che c’è in giro, dato che la cronache recenti raccontano del pestaggio di una ragazza che aveva chiesto ad una famiglia di fare meno rumore oppure del ragazzo ucciso proprio eprchè infastidito dal fumo di una sigaretta.

E quindi, si, talvolta la misura è piena e magari ad uno gliene dici quattro fermo restando che proprio non ci arriva, ma spesso sai bene che è pure rischioso.

D’altro canto, quello che ho raccontato in questo post > Poco da fare, fumatori, nel vostro cervello non riesco ad entrare… la dice lunga sul livello di inciviltà diffusa.

Circa le zone di abbandono indicate in calce al comunicato, si sono dimenticati i finestrini delle auto, fonte inesauribile di mozziconi e, non ultimo, nel momento in cui i mozziconi volano dai finestrini dei mezzi dell?Amsa, della Polizia locale e delle FdO, dove vogliamo andare?

L’unica soluzione sarebbero multe a raffica e tolleranza zero.

La produzione di mozziconi di sigarette a Milano è stimata in circa 80 tonnellate all’anno: AMSA si trova quotidianamente a dover far fronte alla raccolta ed allo smaltimento di questo particolare rifiuto.

I tempi di degradazione dei mozziconi in natura variano a seconda della sigaretta e delle condizioni ambientali, normalmente sono necessari diversi anni.

Secondo una indagine del 2017 realizzata dalla Doxa, il 19% dei milanesi fuma, consumando mediamente 9,9 sigarette al giorno e producendo così più di 4 milioni di mozziconi di sigarette, dei quali si stima che almeno il 25% vengano gettati a terra: ovvero oltre 1 milione ogni giorno.

Parte da questi dati la campagna di informazione e sensibilizzazione presentata oggi a Palazzo Marino dall’assessore alla Sicurezza Carmela Rozza e da Mauro De Cillis, Direttore Operativo di AMSA, società del gruppo A2a.

La campagna “Milano sai quanto ti amo?”, realizzata da AMSA con il Patrocinio del Comune di Milano, ha l’obiettivo di sensibilizzare i cittadini sulla dispersione dei mozziconi nell’ambiente e stimolare comportamenti socialmente virtuosi tra i fumatori.

Saranno distribuiti ai fumatori 5.000 posacenere tascabili insieme a una cartolina della campagna, mentre gli esercizi commerciali potranno richiedere gratuitamente il “Cenerino” – posacenere da esterno pensato appositamente per bar e ristoranti interamente realizzato in materiali riciclati – inviando una richiesta alla casella mail servizioclienti@AMSA.it.

Tra le attività di contrasto al fenomeno della dispersione dei mozziconi nell’ambiente, l’Amministrazione Comunale ha previsto controlli congiunti da parte della Polizia Locale e degli agenti accertatori di AMSA. Un compito non facile, perché chi butta la sigaretta deve essere colto sul fatto.

L’anno scorso sono state complessivamente 180 le multe date dalla Polizia Locale per aver abbandonato piccolissimi rifiuti, principalmente sigarette, 82 per averli buttati a terra e 98 per averli gettati dal finestrino.

“In questi casi – spiega l’assessore alla Sicurezza Carmela Rozza – la prima cosa che conta è l’educazione e il rispetto. Mi rivolgo innanzitutto ai cittadini affinché siano loro i primi a richiamare chi butta la cicca di sigaretta per terra.

Da fumatrice poi faccio un appello a tutti i fumatori affinché non diventino protagonisti di una incuria che grava su tutta la città. Ora gli strumenti ci sono, dagli ampi posacenere a quelli portatili, non facciamoci additare come maleducati”.

“Circa 30.000 cestini sono presenti nelle strade e nelle aree verdi di Milano, dotati di posacenere per spegnere la sigaretta e gettare il mozzicone – ha dichiarato Mauro De Cillis, Direttore operativo di AMSA – Sono certo che grazie alle attività messe in campo con l’Amministrazione Comunale riusciremo a intercettare una quota sempre maggiore di mozziconi che oggi purtroppo non viene correttamente convogliata nel circuito della raccolta rifiuti domestici o dei cestini stradali”.

AMSA ha eseguito una mappatura georeferenziata della presenza di mozziconi abbandonati a terra. I campionamenti sono stati effettuati prima delle operazioni di pulizia da parte delle squadre operative AMSA e focalizzati alle potenziali aree di maggior produzione.

I risultati evidenziano che alcuni punti sono particolarmente colpiti dal fenomeno: gran parte dei mozziconi viene gettato a terra in prossimità delle fermate dei mezzi pubblici (37%), seguono le strade commerciali più frequentate (24%), intorno alle panchine delle aree verdi di Milano (17%), gli incroci semaforici (10%), vie pedonali (8%) e gli ingressi delle scuole (4%).

Fonte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: