Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Arriva una multa ed oltre al danno, rischio la beffa…

Ieri pomeriggio mi ha chiamato Rok per dirmi che era arrivata una multa, per eccesso di velocità, presa nel comune di Arona.

Chi mi conosce sa bene che cerco di rispettare al meglio il Codice della Strada e che non amo la velocità, per cui questa multa mi irrita nel profondo.

Proprio in questi giorni mi è capitato un paio di volte di essere oggetto di lampeggi, colpi di clacson e dito medio a corredo perchè, in città, rispettavo il limite di velocità o, peggio ancora, mi fermavo con il semaforo rosso e chi mi segue su Twitter vedrà i video con passaggi criminali al semaforo rosso, cosa questa che sembra essere un’abitudine per molti.

In città, salvo rari casi, i limiti imposti sono corretti ed è sacrosanto rispettarli, per la nostra sicurezza e per quella degli altri utenti della strada, che abbiano 4 o 2 ruote oppure 2 piedi; però in ambito extraurbano capita sovente di imbattersi in limiti di velocità che non sono correlati alla sicurezza, ma alla necessità di fare cassa.

Ritengo che questa multa sia figlia di questo atteggiamento. E quindi ecco un limite di 50 kmh ed una multa per essere andato a 57 kmh (non 70 o 90), il che significa che una volta decurtata del 5%, con un minimo di 5 kmh, la violazione si basa su una velocità di 52 kmh rispetto ad un limite di 50 kmh. 😦

Questo il danno, ma tant’è, pago quel che c’è da pagare, però la notifica è arrivata ieri, 3 maggio, e riporta che “Entro il 3 maggio è ammesso il pagamento nella misura scontata di € 41,10” ed ecco che il limite per il pagamento scontato collimi con la data di consegna della notifica lo trovo una presa per il cosiddetto.

Vero che sul bollettino accluso è indicato che l’importo ridotto vale per un pagamento entro 5 giorni dalla notifica, ma è altresì vero che sulla notifica e sulla busta non ci sono date di invio e non è stato necessario firmare per ricezione, per cui io come faccio a dimostrare che ho ricevuto la multa il 3 maggio e non prima?

Questa cosa mi fa incazzare più della multa stessa, tanto più considerando che l’importo di € 41,10 include ben 12 € di spese di notifica, troppe a prescindere e francamente se devo pagare 12 € per la notifica, bè allora pretendo che venga fatta in tempi utili e ben dimostrabili.

La fortuna è che esiste l’Home Banking che abbinato al telefono mi ha permesso di pagare la multa al volo, ieri alle 18.30, facilitato dal QR Code che, una volta inquadrato, mi ha restituito il modulo di pagamento già compilato, senza rischio di errori (ma ho controllato ugualmente, metti mai) e quindi un tocco su Conferma e l’improta digitale epr autorizzare il pagamento e la cosa si è risolta velocemente.

Ma esiste gente che non ha l’Home banking e/o non sa usarlo correttamente. Immagino uno che arriva a casa la sera, guarda distrattamente la multa e dice “domani vado in Posta a pagarla” e domani, invece, sei oltre il termine del 3 maggio chiaramente indicato, in grassetto, sul Preavviso di contestazione.

Accantoniamo quindi il limite di velocità, l’infrazione di 2 kmh e la multa. Però fate le cose come si deve e gestite al meglio il tutto, perchè il cittadino deve essere messo in condizione di assolvere ai suoi obblighi nel giusti tempi.

Leggi anche: Prendi una multa, la vuoi pagare, ma il verbale è illeggibile. Che fare?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: