Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Francesco e il sultano

Nel 1219 Francesco d’Assisi s’imbarca per l’Egitto, dove gli eserciti cristiani assediano Damietta, deciso a superare ogni difficoltà per incontrare il Sultano.

Vuole convertirlo? Offrire un esempio di proselitismo ai suoi frati? O cerca il martirio?

Dopo un anno, torna dalla crociata profondamente mutato. Ha scoperto gli orrori della guerra e la ferocia degli uomini, ma anche il fascino di una spiritualità che ha molti punti di contatto con la sua e lo aiuta a trovare le parole del Cantico delle creature.

Dovrà affrontare gli anni difficili di una fraternità cresciuta troppo in fretta. Un maestro del romanzo storico ricostruisce questo momento-chiave inserendolo nel quadro di un’epoca in cui si muovono papi e imperatori, frati e soldati, mercanti e pellegrini, cronisti e artisti sospinti da sogni spasmodici.

Il suo racconto illumina i retroscena di un falso d’autore, la prova del fuoco a cui il santo avrebbe sfidato il Sultano.

Un’invenzione «politica», autenticata dagli affreschi di Giotto ad Assisi, che ha nascosto a lungo un modello di dialogo tra l’Europa cristiana e l’Oriente musulmano.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 19 agosto 2020 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: