Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Sosta vietata e comportamenti

Premessa di Pao: Leggendo http://consumatore.tgcom.it/ ho trovato un quesito posto da un lettore che la dice lunga sulla percezione che la gente ha delle norme che regolano la circolazione stradale e, in questo caso, la sosta. Pensare che l’uso delle 4 frecce ci autorizzi a sostare a prescindere è come dire che se arrivo ad uno stop e piazzo due colpi di clacson, posso passare senza fermarmi…

Ecco domanda & risposta: E’ capitato ad alcuni automobilisti di trovarsi il veicolo multato per divieto di sosta o altra infrazione pur avendolo lasciato per poco tempo con le quattro frecce azionate. Credevano di aver tenuto un comportamento lecito ed invece sono stati multati. E’ giusto?

Quella che volgarmente viene definita “quattro frecce”, il nostro codice della strada la chiama (art. 151, comma I, lettera f) “segnalazione luminosa di pericolo”, ovvero “il funzionamento simultaneo di tutti gli indicatori luminosi di direzione”.
L’art. 153 del medesimo codice stabilisce tassativamente i casi in cui l’automobilista può (anzi, deve) azionare la segnalazione luminosa di pericolo:
I conducenti dei veicoli a motore devono azionare la segnalazione luminosa di pericolo:
– nei casi di ingombro della carreggiata;
– durante il tempo necessario a collocare e riprendere il segnale mobile di pericolo ove questo sia necessario;
– quando per avaria il veicolo e’ costretto a procedere a velocita’ particolarmente ridotta;
– quando si verifichino improvvisi rallentamenti o incolonnamenti;
– in tutti i casi in cui la fermata di emergenza costituisce pericolo anche momentaneo per gli altri utenti della strada.

(…) Ogni altro uso improprio della segnalazione viene sanzionato dal medesimo articolo con la multa da 36 a 148 euro.

Quindi l’attivare la segnalazione luminosa di pericolo (volgarmente detta “quattro frecce”) non rappresenta alcuna esimente in tutti i casi diversi da quelli previsti dalla norma. Non esenta perciò, ad esempio, dal pagamento della sosta nelle aree a pagamento né autorizza le soste in aree vietate, né in zone ZTL o ZSL.

Ne consegue che chi abusa delle luci di emergenza può essere multato non solo per sosta vietata o altro ma anche, e in più, per uso improprio della segnalazione. Morale: facciamo attenzione e non pensiamo di aver risolto il problema di una sosta viatata con il solo azionamento delle quattro frecce!!

4 commenti su “Sosta vietata e comportamenti

  1. Pingback: Come e perchè “scatta” il passaggio da pedoni a pecoroni (e pure incivili)? « Paoblog

  2. Pingback: Il traffico genera ansia ed aggressività « Paoblog

  3. Pingback: La freccia, il clacson: li usiamo nel modo corretto? « Paoblog

  4. Pingback: Il divieto di sosta, questo sconosciuto… « Paoblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 30 marzo 2009 da in Il mondo dell'automobile (e non solo) con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: