Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

L’automobilista scappa e quindi è un pirata, però la responsabilità dell’incidente è di entrambi…

Ieri ho pubblicato sul Gruppo FB un appello del Comune di Milano per la ricerca di un’auto che è scappata dopo un incidente con uno scooter.

Va da sè che nel momento in cui scappi senza prestare soccorso, le tue responsabilità aumentano in maniera esponenziale, tuttavia guardando il video dell’incidente con la testa (e non con la pancia) appare chiaro che la responsabilità dello stesso è da suddividere fra entrambe le parti in causa.

Considerando che il semaforo è lampeggiante e l’incrocio piuttosto ampio, si vedrà che entrambi i mezzi attraversano l’incrocio senza rallentare... e volendo dire, l’auto viene da destra.

Ed infatti oggi si legge in un articolo:

La dinamica dell’incidente in piazzale Cantore mostra che l’automobilista, pur se andava troppo veloce e avrebbe dovuto rallentare, aveva la precedenza ed è stato urtato dallo scooter dopo aver già occupato l’incrocio. Dunque, nella peggiore delle ipotesi, si sarebbe trattato di un concorso di colpa.

Considerando che l’investitore si è costituito, probabilmente poche ore prima di essere arrestato, leggi questo articolo, dal quale estrapolo un breve passaggio:

…il 27enne, sottufficiale dell’Aeronautica, ha ammesso di «aver bevuto». Ma dato che sono passati ormai tre giorni, non si potranno fare riscontri con le analisi: il periodo di attesa prima di costituirsi potrebbe dunque non essere «casuale», o legato soltanto ai tempi della sua coscienza.

Era già andato in una carrozzeria di Varese per chiedere di sostituire lo specchietto, perso nell’incidente. 

Ho inviato il tutto anche ad IPB che, tanto per dire, è un motociclista attento alla sicurezza stradale, che ha prontamente scritto le sue osservazioni:

C’e’ un incrocio a raso con lampeggiante, e nessuno dei due veicoli accenna una riduzione di velocita’. Cosa cazzo pensano, entrambi: che tanto non ci sia nessuno?

Mi riferisco in particolare alla tizia sullo scooter: cazzo, sei su un mezzo esposto e vulnerabile, e pensi di attraversare l’incrocio alla cazzo di cane, senza nemmeno guardare se arriva qualcuno (il fatto che l’auto fosse nera forse non ha aiutato le cose)?

Capisco se fossi uno Scania, in quel caso sono gli altri a doversi preoccupare, ma su uno scooter…

Se posso per mettermi, la tizia sullo scooter ha delle pesanti responsabilita’.

Il tizio, se lo prendono, si fara’ della galera, viste le modifiche sull’omicidio stradale e le lesioni gravi. E giustamente, perche’ doveva fermarsi.

Mi chiedo perche’ si lascino i semafori lampeggianti in incroci cosi’ pericolosi. Certo c’e’ poco traffico, ma e’ proprio quando il traffico e’ scarso che la gente corre di piu’ e abbassa l’attenzione.

E il comune dovrebbe tenere i semafori accesi, porco mondo.

Sui semafori lampeggianti, non c’è storia, anche perchè tutto sommato di auto ne passavano, ma è ovvio che su viali che invitano 😦 a correre, niente di meglio che lasciare il giallo lampeggiante, per avere la certezza che qualcuno passi sparato.

In ultima analisi ecco che nel video si noti come ci siano le due ragazze stese sull’asfalto, subito dopo il botto, ed un pedone attraversa sulle strisce senza neanche pensare di andare ad aiutare…

screenshot-2016-09-28-09-22-20

 

5 commenti su “L’automobilista scappa e quindi è un pirata, però la responsabilità dell’incidente è di entrambi…

  1. Lorenzo
    30 settembre 2016

    Intanto l’automobilista si è costituito. Comunque da domani non cambierà nulla, come al solito, le campagne di sensibilizzazione avranno i soliti effetti palliativi. Qualcuno resterà colpito e ci rifletterà su, la stragrande maggioranza non avrà la testa per cambiare a monte l’approccio alla strada. E’ una battaglia persa, nel senso che la migliore vittoria consiste nel far “redimere” qualche decina di persone su un’intera nazione. Non da buttare, ma nemmeno da festeggiare.

  2. £@
    29 settembre 2016

    Mi spiace veramente, sono sincero…ma secondo il mio personalissimo parere il 27enne della vettura nera ha “fatto bene” a scappare.

    Che sia fin da subito chiaro, non invito nessuno a farlo.

    Ma date le leggi tutt’ora in vigore e l’episodio accaduto, è la scelta più corretta che poteva fare.

    L’omissione di soccorso e la fuga sono purtroppo reati minori in confronto a chi guida in stato d’ebrezza e prende parte ad un incidente (badate che non ho scritto causa un incidente).

    in questo caso sarà impossibile appioppargli il massimo pana del reato di Omicidio stradale, dato che lui… il 27enne pur essendo ubriaco alla guida e non avendo rallentato, è comunque una vittima. Perchè è lo scooter (dove ci sono 2 ragazze) ad aver sbagliato, ed è giusto che siano loro a pagare per l’errore… andando in ospedale.

    Ed anche quì serve una chiarificazione…

    io non sono dell’idea che debbano avere traumi o cos’altro di peggio… ma il solo fatto di dover andare all’ospedale mi basta, vuol dire “ferite non superficiali”, per un incidente causato dal conducente dello scooter… e non da altri, nemmeno in concorso di colpa.

    Perchè secondo quello che capisco IO dal video, l’auto era comunque ben visibile, e pertanto anche se non ha rallentato si vedeva benissimo che stava arrivando, ad una velocità poi neanche tanto sostenuta, altrimenti sul pavè avrebbe saltato.

    Opinione personale, più che non condivisibile… vedi te se pubblicarlo, caro PaoBlog.

    • paoblog
      29 settembre 2016

      E’ un’opinione forte, ma peraltro espressa in toni civili ed argomentati, per cui pubblico.

      Non concordo sul fatto che la fuga sia “lecita”, perchè in ogni caso il 27enne ha sbagliato a monte ovvero mettendosi alla guida in stato d’ebbrezza, dopo di che mi auguro che chi deve gestire il caso suddivida nella giusta misura le responsabilità, perchè in ogni caso appare chiaro che è la guidatrice dello scooter ad aver sbagliato.

      Dal punto di vista ospedaliero sarebbe più logico che “pagasse” la sola guidatrice, in maniera lieve ma sufficiente a ricordare l’errore, che la trasportata non ha colpe.

      Dopo di che resta la domanda fatta da IPB sulla logica di avere semafori lampeggianti, tanto più in viali che come dicevo “invitano (gli stupidi) a correre”.

      Senza dimenticare che ci sono gli attraversamenti pedonali…e vedo bene ogni mattina sulla Statale, quando arrivo a Bareggio dove i semafori ancora lampeggiano e, complici le strisce scarsamente illuminate, certi pedoni devono fare i salti mortali per attraversare, grazie ai volponi che scambiano il giallo lampeggiante come una revoca del limite dei 50 kmh.

  3. IlPrincipeBrutto
    29 settembre 2016

    >> …il 27enne, sottufficiale dell’Aeronautica, ha ammesso di «aver bevuto».
    .
    Immagino sia una delle ragioni, se non la ragione principale, che lo ha convinto a scappare.
    .
    Mi chiedo (e mi rendo conto che e’ una domanda cinica): qualcuno ha fatto le analisi alla tipa che guidava lo scooter?
    .
    sicuri si diventa, Ride Safe

  4. paoblog
    29 settembre 2016

    Degno di nota, in ogni caso, il titolo dell’articolo: “Investe ragazze in motorino e fugge” quando basta vedere il video per constatare che la dinamica diversa… dopo di che la velocità dell’automobilista e la fuga non sono in discussione…

    ma proprio domenica, in un dibattito condotto da un giornalista, si ribediva il fatto che troppi si fanno un’opinione leggendo solo il titolo degli articoli, con la rsponsabilità naturalmente di chi fa titoli che attirano l’attenzione (o i click), ma che non corrispondono al testo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: