Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Scontrino cartaceo? Nel 2017 arriva quello digitale

edicolaDal 1° gennaio 2017 potremo fare a meno dello scontrino, quel pezzetto di carta tanto fastidioso che molto spesso non sappiamo dove mettere e che finisce infondo alla borsa o direttamente nel cestino della pattumiera, per non parlare di quelli dimenticati nelle tasche dei jeans e che poi troviamo direttamente in lavatrice!

Almeno una volta è capitato a tutti. Tra qualche mese la situazione potrebbe cambiare.

Vediamo perché. Dal 2017 chi svolge un’attività commerciale avrà la possibilità di dotarsi di registratore di cassa telematico o di convertire quello vecchio per poter registrare l’acquisto senza dover rilasciare alcun scontrino cartaceo.

Con questa nuova modalità, i dati dell’acquisto verranno memorizzati elettronicamente e trasmessi per via telematica all’Agenzia delle Entrate, ma tutti coloro che vorranno usufruire di questa “comodità” e stare al passo con i tempi hanno tempo fino al 31 dicembre 2016 per esercitare quest’opzione.

Diciamo così perché è un sistema che si affiancherà a quello classico, anche perché chi vorrà la fattura cartacea avrà il diritto di riceverla.

L’Agenzia delle Entrate per ora ha redatto una bozza e per avere ulteriori informazioni, dovremo attendere il prossimo mese.

Fonte: Scontrino cartaceo? Nel 2017 arriva quello digitale | Consumatore

2 commenti su “Scontrino cartaceo? Nel 2017 arriva quello digitale

  1. £@
    7 ottobre 2016

    Si ok tutto bello, se voglio usufruire della garanzia come faccio?… io consumatore che prova ho di aver acquistato in quel posto e in quel giorno il prodotto??

    E non venitemi a parlare della transazione economica. Innanzitutto potrei pagare in contanti, poi la stessa non è valida ai fini fiscali (o legali) e poi c’è scritto solo i dati della transazione, mica cosa quale oggetto ho preso.

    • paoblog
      7 ottobre 2016

      al netto delle tue osservazioni, più che legittime…

      siamo quasi a metà ottobre… la scadenza è per il 1° gennaio 2017 e l’Agenzia delle Entrate ha redatto solo una bozza?

      Ci vediamo al 2020, se va bene…

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: