Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Per seguire la mia stella

Lucca, metà del Cinquecento. Chiara Matraini è figlia di tessitori che esportano le loro finissime stoffe in tutta Europa. Non è nobile né cortigiana, le sole condizioni che consentono a una donna una vita pubblica.

Nel suo destino, funestato dalla morte dei fratelli durante una rivolta popolare, c’è un futuro da signora borghese, un buon matrimonio, dei figli e un’oscura vita tra le mura di un palazzo.

Invece lei, forte degli studi che i genitori le hanno consentito, decide di diventare una letterata, di più, una poetessa.

Una scelta controcorrente che paga con durezza, condannata dal suo essere donna e dal suo stesso talento.

Ma Chiara non smette mai di lottare. Per amore di suo figlio, di un nuovo uomo dopo la morte del marito, per amore della poesia, e soprattutto di se stessa e della sua dignità di donna.

Orgogliosa, ostinata e non domata come la sua città: città dalle cento torri e dalle cento chiese, superba nella sua indipendenza, ribelle e devota…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 9 maggio 2017 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni con tag , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: