Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Il pasticcio delle nuove targhe francesi e le multe ingiuste agli italiani

di Maurizio Caprino

I francesi l’hanno fatta grossa: volendo anche loro sostituire le targhe provinciali con un sistema d’immatricolazione unico nazionale, tra le tante soluzioni possibili hanno scelto quella assolutamente identica all’Italia (due lettere, seguite da tre cifre e altre due lettere, scritte tutte in nero su fondo bianco e comprese tra due fascette verticali azzurre).

Così ora in Francia circolano veicoli targati con combinazioni di lettere e cifre uguali ad altri veicoli “italiani”. Ed, essendo i due Paesi confinanti, le possibilità che un francese venga da noi e viceversa sono alte, così come quella di confondere le targhe.

Certo, un agente sveglio si accorge subito del problema (i caratteri delle targhe sono graficamente un po’ diversi, sulle fascette azzurre ci sono scritte differenti e i due sistemi sono partiti in tempi molto diversi, per cui una “A” iniziale corrisponde a un’auto di metà anni Novanta in Italia e a una vettura nuova Oltralpe), ma sia in Italia sia in Francia proliferano i sistemi automatici di rilevamente delle infrazioni, basati su lettori di targhe automatici che non “capiscono” queste sottigliezze.

E allora diventa determinante l’occhio degli agenti che devono esaminare tutte le immagini riprese dagli apparecchi per validarne gli accertamenti e scartare tutti i casi dubbi. Devono farlo per procedura prevista dalla legge.

Ma infortuni del passato (come la spedizione di centinaia di verbali dai vigili di Roma a ignari cittadini con targhe che iniziano con CC e CD, mentre le infrazioni erano state commesse da diplomatici, le cui targhe cominciano ovviamente con le stesse lettere) dimostrano che talvolta sulla validazione si passa su allegramente.

Quindi, se ricevete una multa ingiusta, sarà non solo per colpa dei francesi che ci hanno copiato le targhe, ma dei nostri agenti che non ne hanno tenuto conto.

Consolatevi: potrete facilmente vincere il ricorso e sarà un modo che scovare chi non fa il proprio mestiere come dovrebbe. A quel punto, potrete anche denunciarlo e chiedergli i danni.

Fonte: http://mauriziocaprino.blog.ilsole24ore.com/

2 commenti su “Il pasticcio delle nuove targhe francesi e le multe ingiuste agli italiani

  1. Patrizio
    5 novembre 2010

    Caro Maurizio sono 10000 volte d’accordo con te riguardo a questo discorso, ed effettivamente essendo appassionato d’auto e di tutto ciò che gli gira intorno, avendo visto un’auto francese in giro qui da noi, ho subito notato la forte somiglianza le loro e le nostre targhe.
    Quindi speriamo che: 1) l’eventuale vigile o vigilessa abbia veramente l’occhio per notare quelle piccole differenze che a colpo d’occhio non si vedono. 2)Che faccia mente locale che le targhe per esempio che iniziano con AA, AB, ecc. ecc.,all’epoca qui da noi non avevano le bandine laterali azzurre percui fanno parte di un parco auto degli anni ’90 e non possono essere applicate su veicoli d’oggi.
    Forse l’unica consolazione che possiamo avere è che di solito sul verbale dei vigili, affianco al numero della targa va messo anche il modello della macchina percui…..”te deve dì proprio male se coincide pure la macchina….” Comunque a parte la battuta speriamo bene e tanti saluti da Roma

  2. Agente di Polizia Locale
    27 dicembre 2009

    Beh, ai francesi abbiamo copiato la bandiera e loro ci hanno copiato le targhe!
    Battute a parte, visto che siamo in tema di targhe, cliccate sul mio nickname e scoprite una utilità che pochissimi conoscono.
    Cordialità e saluti.

I commenti sono chiusi.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26 dicembre 2009 da in Consumatori & Utenti, Il mondo dell'automobile (e non solo) con tag , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: