Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

In viaggio: Armi e bagagli

L’organizzazione di un viaggio, si sa, può essere stressante e complicata, ma quando tutto è pronto (ferie concesse, biglietti dell’aereo acquistati, albergo prenotato, ecc.), alla vigilia della partenza resta ancora un ultimo incombente: preparare la valigia.

Per essere pronti ad ogni evenienza (caldo, freddo, pioggia, serate mondane, cene di gala, mal di gola, mal di pancia e chi più ne ha più ne metta), si tende sempre a portare più del dovuto, come se la meta prescelta fosse un’isola deserta priva di farmacie e negozi di ogni genere.

Tuttavia, specie per chi viaggia in aereo, è necessario tenere conto delle restrizioni di peso e dimensioni imposte dalla compagnie aeree, nonchè delle norme di sicurezza sul contenuto di bagagli a mano e da stiva.

Le sovrattasse per chi supera i limiti di peso (in genere10-15 kg per le compagnie low cost) possono essere molto salate (dai 3 ai 17 euro al kg). Conviene, quindi, selezionare lo stretto indispensabile e riporlo in maniera ordinata e “compatta” in trolley leggeri piuttosto che in valigie voluminose. Per chi non soffre troppo il caldo, c’è sempre l’escamotage di vestirsi a più strati…

Il bagaglio a mano è composto da tutti gli articoli che il passeggero può portare con sé in cabina e va sistemato nei comparti portaoggetti oppure sotto il sedile anteriore. Ogni passeggero può portare in cabina un solo bagaglio a mano la cui somma delle dimensioni (altezza, larghezza, profondità) non deve superare i 115 cm.

Salvo particolari restrizioni del vettore, è consentito portare pc portatile, fotocamera, videocamera, cellulare, ombrello, medicinali strettamente personali e necessari, articoli acquistati presso i “duty free” ed i negozi all’interno dell’aeroporto, nonché sostanze liquide (acqua e bevande varie, creme, profumi, gel) che siano contenute in recipienti da 100 ml inseriti in sacchetti di plastica trasparenti e richiudibili.

È assolutamente vietato, invece, il trasporto di pistole, armi da fuoco, armi giocattolo (e qualunque oggetto che anche solo in apparenza possa sparare proiettili, es. accendino a forma di pistola), oggetti appuntiti o taglienti, strumenti smussati (es. mazze da baseball o da golf), esplosivi e sostanze infiammabili di ogni tipo (es. acquaragia, solvente per vernici), sostanze chimiche o tossiche.

Il bagaglio registrato è quello trasportato nella stiva dell’aereo: al momento dell’imbarco viene pesato, etichettato e registrato sul biglietto per consentirne l’identificazione all’arrivo. In stiva sono proibiti oggetti come bombolette spray, esplosivi, materiale radioattivo, articoli pirotecnici, sostanze infiammabili, ossidanti, tossiche o infettive.

Fonte: http://consumatore.tgcom.it/

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 19 luglio 2010 da in Consumatori & Utenti, Turismo con tag , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: