Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Il ragazzo che catturò il vento

di William Kamkwamba con Bryan Mealar

Ediz. Rizzoli – Pagg. 302  – € 15,00

2894102

 

Recensione di: silviapassini@lifegate.com

Quando le avversità diventano opportunità. Quando un ragazzo vede avverarsi il proprio sogno, fatto di vento, di luce… e di vecchie radioline!

Quella che leggerete in questo libro è la storia di William, che nasce e cresce in Malawi, terra difficile, tra le più povere del continente africano. Ma piena di vento.

E sarà proprio il vento a portare un bagliore di speranza nella mente ingegnosa del giovane, all’epoca del racconto quattordicenne.

Le difficoltà e le carestie gettano William, la sua famiglia e la sua gente nella più torbida delle situazioni. La fame strema: la vista offuscata, non si vede via d’uscita, le gambe stanche, non si ha energia sufficiente per muoversi.

Ma William aguzza il suo ingegno e decide di catturare ciò che invece c’è in abbondanza in Malawi, il vento, per creare energia, acqua e luce. In poche parole, per ridare vita al suo villaggio e alla sua gente.

Inizia a studiare libri di fisica, si prende del matto da tutti gli abitanti del villaggio, anche dai suoi genitori, e iniziando a smanettare vecchie radioline, ciarpame, biciclette e parti di trattori vede poco a poco realizzarsi il suo sogno: un mulino a vento.

Una prima macchina riuscirà ad azionare quattro lampadine, una seconda riuscirà ad azionare una pompa dell’acqua: ecco una luce, una soluzione alla siccità e alla carestia che incombono sul suo villaggio.

Un libro che mostra il potere della determinazione, della tenacia e del talento nelle situazioni più avverse.

Ma non solo, un libro dai risvolti sociali, perché offre un quadro (e delle fotografie, più concretamente) dei villaggi africani, del Malawi, della vita quotidiana della popolazione. Mostrando come vivono le famiglie e i villaggi, cosa mangiano, come si divertono i giovani e come studiano.

Emozionante, edificante. Una storia di umiltà e di intelligenza (che bel connubio!) che avvince, commuove e insegna: “non avrei mai dimenticato la lezione che avevo imparato. Se vuoi farcela, devi buttarti”.

Il blog di William Kamkwamba

Fonte

https://youtu.be/Q8L3NaL2hec

Video sottotitolato in italiano – clicca sul pulsante Sottotitoli

Annunci

2 commenti su “Un libro: Il ragazzo che catturò il vento

  1. sempreiopat
    11 ottobre 2010

    Bellissima presentazione di un libro intelligente… in fin dei conti… tutti potremmo essere( nel nostro piccolo) tanti William,se solo imparassimo ad aver tenacia e fiducia nelle nostre capacità che spesso sono discordanti con le altre… Del resto si sa che la diversità di pensiero spesso è la prima catena di una mente al di sopra della normalità…

  2. Pingback: Se è il Comune a sprecare l’acqua… | Paoblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: