Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Il Regolamento dell’ospedale dice una cosa e poi…

Spero che questo sia l’ultimo post ospedaliero, tuttavia è necessario battere il ferro finchè è caldo.

Come detto ieri mio padre (78 anni, capirete poi il perchè della precisazione) è stato operato all’Ospedale Niguarda; nulla di grave, ha messo un pacemaker, ma sempre di un intervento chirurgico si tratta e, tra l’altro, gli è stato vietato ogni movimento sino alle 15 di oggi.

Va da sè che l’aiuto di una persona è utile, anche al fine di non chiamare il personale per ogni cosa, fermo restando che se uno ha bisogno di un bicchiere d’acqua e non può muoversi, è costretto a chiedere l’aiuto di qualcuno.

Detto questo, in famiglia non siamo abituati ad essere dei rompiscatole e ritengo che ognuno di noi abbia Diritti & Doveri e per dirsi persone civili è necessario rispettare entrambi.

L’orario delle visite è dalle 12 alle 14 e dalle 17 alle 19, ma il regolamento del Niguarda prevede che le persone con più di 65 anni possano ricevere visite anche al di fuori dell’orario stabilito; per essere più precisi, scrivono che: “…è garantita la presenza di un familiare anche fuori dagli orari di visita.

La parola garantita mi sembra sia inequivocabile. Eppure stamane verso le 11.00 quando mia madre è arrivata all’ospedale le è stato negato l’ingresso, nonostante abbia fatto notare che mio padre ha più di 65 anni.

La risposta è stata: C’è il giro dei dottori, non si entra fino alle 12.

Di fatto le è stato negato un suo diritto, scritto nero su bianco dalla Direzione dell’Ospedale. Come detto, senza un’autorizzazione specifica, non avrebbe mai preteso l’ingresso a prescindere (come fanno certi personaggi che si incontrano sempre) , ma visto che me lo dite voi che è possibile, perchè impedirmelo?

6 commenti su “Il Regolamento dell’ospedale dice una cosa e poi…

  1. Pingback: Diario online di una Blogger all’ospedale « Paoblog

  2. Pingback: Taglio qui, taglio là e gli ospedali collassano… « Paoblog

  3. Tiziana
    31 marzo 2011

    Le solite contraddizioni. Meglio non farle le regole interne se tanto poi trovano scuse per non rispettarle!

  4. Poppea
    30 marzo 2011

    Sì sono d’accordo

  5. Paoblog
    30 marzo 2011

    D’accordo su questo… ma se ci sono venti stanze e ci vogliono 5 minuti a stanza, di fatto non ti fanno entrare per due ore.. quindi fammi entrare in reparto, fermo restando che si esce dalla stanza senza rompere quando te lo dicono.

  6. Poppea
    30 marzo 2011

    Be’ durante gli orari di visita dei medici mi sembra si debba comunque uscire dalla stanza. Lo dico perchè quando era ricoverato mio padre, in fase terminale, mia madre ed io facevamo a turno 12 ore ciascuna, non veniva mai lasciato solo ma quando la visita medica entrava nella stanza io dovevo uscire nel corridoio.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: