Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

L’autovelox in città, i viali di scorrimento, la Cassazione e

di Maurizio Caprino

C’è una spigolatura importante nell’ultima, ennesima sentenza della Cassazione che boccia la discrezionalità dei prefetti nelle autorizzazioni ai controlli di velocità automatici nei centri abitati: i giudici sembrano escludere a priori la possibilità che un viale possa essere classificato di scorrimento se non c’è un semaforo per ogni incrocio.

Concetto astruso, che però vi riguarda la vita di tutti i giorni: significa che – se così fosse – ci sarebbero molti prefetti che hanno sbagliato ad autorizzare i controlli perché hanno riconosciuto come di scorrimento (condizione vincolante per rilasciare l’autorizzazione) anche viali che non lo erano.

La questione è delicata e meno semplice di quel che sembra.

Infatti, la definizione di strada urbana di scorrimento impone effettivamente che “eventuali intersezioni a raso” siano “semaforizzate”. Però occorre intendersi su cosa sia un’intersezione a raso: ….

Continua la lettura QUI

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 11 aprile 2011 da in Il mondo dell'automobile (e non solo) con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: