Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un progetto per la circolazione di tir.

Con quasi 5 milioni di veicoli, l’Italia è al secondo posto dopo gli inglesi nel trasporto di merci su gomma. Nel nostro Paese, si concentrano in media 15,71 veicoli in un chilometro quadrato: solo la Gran Bretagna riesce a far peggio con 16,79.

Questo perché il trasporto merci su rotaia non è mai stato molto sviluppato: l’unico progetto in cantiere è quello sul Tav Torino-Lione, le cui strutture esistenti sono già ampiamente sottoutilizzate.

Con l’aumento del traffico stradale c’è il rischio di incidenti e dello spopolamento di alcune zone di confine. Come succede, per esempio, tra la provincia di Cuneo e la Francia dove i tir percorrono il centro storico dei tre paesi montani di Demonte, Aisone e Vinadio, generando danni al patrimonio urbanistico e il conseguente abbandono del centro abitato.

Per questo è nato il comitato Sì Dav, che sostiene una nuova costruzione, la Dav appunto (acronimo dei tre paesi Demonte, Aisone e Vinadio): una circonvallazione esterna che permetterebbe ai mezzi pesanti di deviare il proprio percorso e non attraversare quotidianamente i centri abitati.

Il progetto è stato sottoposto a un protocollo di intesa tra comuni, Comunità montana, Regione e Provincia addirittura già negli anni Settanta. Solo nel 2005 è stato discusso in via preliminare.

Ma ancora adesso le istituzioni affermano di non avere le risorse necessarie per costruire la circonvallazione, risorse che erano già state stanziate una volta ma che adesso sono scomparse.

Per questo è stata anche indetta una giornata di protesta, il 10 agosto 2011, ad Aisone. Ma, intanto, il traffico su gomma continua ad aumentare….

viaUn progetto per la circolazione di tir. – Lettera43.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: