Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Come trattare scottature ed eritemi

leggo su Altroconsumo

Scottature ed eritema sono sempre dietro l’angolo quando ci si espone al sole senza adeguate protezioni. La pelle si infiamma, diventa rossa, brucia e tira.

A volte si innesca una vera e propria reazione allergica, con la comparsa di lesioni cutanee (i cosiddetti pomfi) e prurito, che può durare diversi giorni.

Per le scottature più lievi basta una buona crema riparatrice; qualche accorgimento in più, invece, per le più gravi che possono provocare anche febbre e malessere.

Scottato? Cosa fare

  • Non esporti al sole. Per aver un po’ di sollievo fai docce frequenti o impacchi di acqua fresca, applicando più volte al giorno una crema emolliente o idratante.
  • Se compaiono vesciche, non bucarle e non strappare la pelle che le ricopre, perché rischieresti di infettarle. Guariscono comunque da sole. Non coprirle con garze o cerotti, ma lasciale all’aria e usa vestiti non troppo aderenti.
  • In caso di febbre, riposa in un luogo fresco e prendi un antipiretico (paracetamolo). Il mal di testa è un sintomo di disidratazione: devi bere molto.
  • Una crema all’idrocortisone può essere utile, nelle zone in cui l’arrossamento è forte, ma circoscritto. Da evitare, invece, le creme a base di anestetici o antistaminici, che possono causare sensibilizzazione e reazioni avverse al contatto con la luce.
  • I rimedi fai da te come la buccia di patata, il bianco d’uovo o l’olio d’oliva sono inutili ma anche controproducenti.

 

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 31 luglio 2012 da in Consumatori & Utenti, Leggo & Pubblico, Salute & Benessere, Turismo con tag , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: