Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Milano e la raccolta dei rifiuti umidi: Inizia la distribuzione dei cestelli

E’ partita un paio di giorni fa la distribuzione dei cassonetti e dei kit per la raccolta differenziata dell’umido nella zona Sud-Ovest di Milano corrispondente all’intera zona 6 e parte delle zone 1, 5 e 7.

Dal 3 settembre al 24 novembre, infatti, verrà consegnato a ogni famiglia dell’area di Milano coinvolta un pieghevole contenente le istruzioni necessarie per una corretta raccolta differenziata della frazione umida, una fornitura gratuita di sacchetti compostabili realizzati in Mater-Bi, grazie a un accordo tra il Comune di Milano e la società Novamont, e un cestello da 10 litri.

Il contenitore, grazie alla sua struttura aerata, consente di ridurre al minimo i disagi relativi ai cattivi odori e alla formazione di liquidi. Contestualmente saranno consegnati anche i nuovi cassonetti condominiali di colore marrone da 120 litri. La raccolta porta a porta dell’umido partirà il prossimo 26 novembre.

La distribuzione toccherà 13.000 numeri civici in oltre 1.000 vie di Milano. I contenitori saranno consegnati da operatori di Amsa, riconoscibili attraverso una tessera identificativa e una pettorina che riporta la scritta “Consegna contenitori per la raccolta della frazione umida”.

Gli operatori non avranno necessità di entrare nelle singole abitazioni e non richiederanno alcun tipo di corrispettivo in denaro in quanto il kit e i cassonetti sono forniti a titolo gratuito. 2.500 lettere sono già state spedite agli amministratori degli stabili coinvolti e 170.000 ai cittadini.

La separazione della frazione umida sarà obbligatoria per i cittadini coinvolti e contribuirà a incrementare la quantità e la qualità dei rifiuti riciclabili. La nuova raccolta differenziata presso le utenze domestiche del Comune di Milano è in sintonia con la normativa nazionale in materia, le linee di indirizzo della Regione Lombardia e il programma della Giunta Comunale, che prevedono il raggiungimento di una percentuale minima del 65% di raccolta differenziata dei rifiuti.

“Con questo nuovo servizio  stimiamo di recuperare 41 kg per abitante di rifiuto organico presente nello scarto indifferenziato – dichiara il Direttore Generale di Amsa – che può diventare, così come gli altri rifiuti recuperabili, una preziosa risorsa. La frazione umida può essere trasformata in fertilizzante naturale per le coltivazioni e utilizzata per produrre energia mediante generazione di biogas”.

Il Servizio Clienti Amsa, in occasione dell’introduzione di questo nuovo servizio, è stato rafforzato con nuovi operatori telefonici e sta già provvedendo a raccogliere le segnalazioni sia dei cittadini sia degli amministratori.

Per avere informazioni e aggiornamenti sul servizio i cittadini, oltre ad utilizzare i tradizionali canali (sito web www.amsa.it e Numero Verde 800.33.22.99), possono scaricare l’applicazione PULIamo per smartphone e tablet dedicata alle attività di Amsa, dove è possibile trovare anche una guida alla raccolta differenziata “dovelobutto” con una speciale sezione dedicata alla raccolta dell’umido.

Questo nuovo servizio sarà attivato gradualmente: verranno coperti nel corso del 2013 altri due quarti di Milano e nel 2014 il resto della città.

Articoli correlati:

Civiltà, Educazione, Sicurezza…Quando sento certi ragionamenti…

Raee – il rifiuto dei farmacisti Il riciclo delle pileOgnuno faccia la sua parte

Compost: dall’umido si ottiene il terriccio –  Riciclare al 99% si può 

Le percentuali del ricicloUna gestione dei rifiuti uguale per tutti… Utopia?

Confesso: porto i rifiuti di casa in ufficio…

2 commenti su “Milano e la raccolta dei rifiuti umidi: Inizia la distribuzione dei cestelli

  1. Giuseppe C.
    24 settembre 2014

    Leggo: “Il contenitore, grazie alla sua struttura aerata, consente di ridurre al minimo i disagi relativi ai cattivi odori e alla formazione di liquidi”.

    A cose fatte, ora che siamo nel nel 2014, molti milanesi hanno potuto constatare che da quando a Milano si pratica la raccolta differenziata dell’umido è tutto un proliferare di insetti e scarafaggi negli appartamenti, e di toponi nelle strade e nei cortili.

    Anche quei contenitori “aereati” immagino abbiano contribuito a questo deprecabile stato di fatto.

  2. andrea
    22 Maggio 2013

    – suggestiva la frase di J.Lennon, il tempo che ti piace buttare non è buttato, riportata in testa al Blog;
    – non altrettanto piacevole è usare una pattumiera per raccogliere l’umido: per chi tiene…all’igiene, occorre prevedere frequenti lavaggi/disinfestazioni;
    – tutte operazioni che richiedono di esser vestiti da aiuto-vice-sotto-spazzino-in-prova, senza stipendio, grazie!

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: