Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Ho un impegno urgente, parcheggio dove capita (tanto di multe non ne pago…)

Articolo aggiornato dopo la pubblicazione

Il titolo può sembrare provocatorio o polemico, ma riassume in due parole la vicenda raccontata dal Corriere e che pubblico in sintesi:

L’imprenditore, partner di magnati e divi americani in compravendite di immobili lussuosi, ha parcheggiato l’Audi dentro l’Arena. Proprio accanto al muro del vecchio stadio. Ha varcato un cancello e non poteva.

Ugualmente ha percorso metri su un selciato solitamente affollato di runners e genitori con passeggini. Infine si è fermato. Sul cruscotto è rimasto un foglio intestato all’azienda, che porta il suo nome.

Certo, il messaggio, con assunzione di responsabilità, accettando la multa (ma non la rimozione, sia chiaro) potrebbe far passare in secondo piano l’arroganza del comportamento se non fosse che l’imprenditore, gode dei vantaggi impliciti della targa svizzera, come si evince dal breve dialogo con il  giornalista del Corriere che lo ha contattato:

«Certo, ho sbagliato. Non si fa. Chiedo scusa. Però purtroppo non potevo tardare. Sono sincero, non è la prima volta che pianto la macchina dove capita…».

«Vabbé, almeno gliel’avranno rimossa, i vigili, un’illegalità così…».

«No».

«Ma almeno la multa gliel’avran data?».

«Eh… no».

Aggiornamento del 27 ottobre: leggo che l’automobilista ha dichiarato che Lunedì mi presenterò al Comando della polizia locale per pagare la sanzione che mi spetta, tuttavia la domanda sorge spontanea: si può pagare per una multa che non è stata fatta?

Leggo inoltre che: i lettori (del Corriere) in gran quantità arrabbiati anche contro i ghisa-fantasma. Domandava un signore com’è possibile che in due ore all’Arena non ne passi nemmeno uno «chessò a cavallo, in bici o sui rollerblade».

Io so dov’erano, mercoledì scorso, due auto dei vigili ovvero sulla Via Novara con il loro autovelox d’ordinanza. Certo, si tratta di un tratto urbano, dove vigono i 50 kmh. e che nessuno rispetta in quanto una strada a 2 corsie, con spartitraffico, pochi incroci e passaggi pedonali peraltro regolati da semaforo, ti concedono i 60 kmh. senza il rischio di una strage. Diversa la situazione nella notte dove talvolta capitano incidenti gravi, causati sempre dall’alta velocità e dai passaggi con il rosso e/o senza rispettare le precedenze (quando il semaforo è lampeggiante.) Di incidenti se ne vedono anche durante il giorno, ma sono quasi sempre tamponamenti.

Prendo atto che in ogni caso ci sono i 50 kmh., per cui va bene che siano ligi al dovere, ma allora vien da chiedersi come mai, non lo siano per multare le decine di auto in sosta sulla carreggiata di Via Novara, proprio di fronte a dove si posizionano.

Va da sè che così come in certi casi ci si ponga delle domande sui comportamenti dei singoli vigili, resta sempre in essere la medesima domanda su chi li comanda e che sembra non accorgersi di certe cose.

E francamente se il singolo vigile poco professionale fa “girare le balle”, ben diverso è per chi ha posizioni di responsabilità ben più grandi. Ed allora si tratta di incapacità professionale o cecità dolosa?

Un commento su “Ho un impegno urgente, parcheggio dove capita (tanto di multe non ne pago…)

  1. Pingback: Gli svizzeri sono civili…a casa loro | Paoblog

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: