Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Prodotti antitarme: quali comprare e come usarli

leggo su Altroconsumo

Non solo maglioni di lana e mobili vecchi. Contrariamente a quanto si pensa, le tarme possono mangiare molti tessuti e annidarsi nel legno fresco. Per combatterle esistono diversi prodotti. Non tutti però sono efficaci e bisogna fare attenzione a come si utilizzano: sono prodotti potenzialmente pericolosi per la salute dell’uomo, degli animali e dell’ambiente.

Tra i prodotti chimici (presidio medico chirurgo), i più utilizzati sono quelli a base di piretroidi (al momento il miglior compromesso tra efficacia e sicurezza. Non esistono, infatti, insetticidi del tutto innocui), transflutrina e permetrina. Questi tre ingredienti hanno una bassa tossicità per le persone, ma possono essere irritanti per la pelle e le vie respiratorie e pericolosi per gli ambienti acquatici.

Tutti i prodotti chimici devono riportare il nome del principio attivo utilizzato e la concentrazione. È importante leggere bene le istruzioni sul dosaggio: normalmente i produttori segnalano la quantità per un armadio o un cassetto. Aumentare la dose non migliorerà le prestazioni, ma potrebbe provocare rischi per la salute e l’ambiente.

L’efficacia dei prodotti antitarme naturali, con olii essenziali o a base di piante e fiori, non è dimostrata. Non sono più sicuri di quelli chimici perché possono contenere allergeni (limonene, linalool, comarin e altri). Inoltre, spesso i produttori utilizzano profumazioni sintetiche: ad esempio, è molto raro che il profumo di lavanda sia naturale.

Naftalina: da evitare>Se viene ingerita è letale. È invece tossica in caso di inalazione o contatto. I prodotti a base di naftalina non sono più in commercio da anni, ma sono ancora presenti in molte case. Noi consigliamo di non utilizzarli più, soprattutto in presenza di bambini e animali che potrebbero ingerirli accidentalmente.

Gli antitarme sono prodotti potenzialmente pericolosi, per questo vanno utilizzati nel modo giusto:

  • Evita il contatto diretto con gli abiti e con la pelle e per riporli usa dei sacchetti;
  • Attenzione ai bambini, non lasciare i prodotti incustoditi, soprattutto se sono a forma di palline e hanno colori vivaci;
  • La permetrina è altamente tossica per i gatti, se ne hai uno in casa usa altri principi attivi, come la transflutrina;
  • Conserva la confezione originale su cui è riportato il nome del principio attivo e in caso di incidente contatta il centro antiveleni del Niguarda, attivo 24 ore su 24 al numero 0266101029;
  • Non mangiare, bere o fumare mentre utilizzi questi prodotti;
  • In caso di contatto con gli occhi o la pelle, sciacquare immediatamente con acqua abbondante.

Per combattere le tarme possono essere utili anche alcuni semplici accorgimenti:

  • Pulisci bene l’armadio (con uno sgrassatore da spruzzare su un panno o un detersivo diluito in una bacinella);
  • Lascia asciugare l’armadio prima di riporre i vestiti;
  • Riponi solo capi puliti e asciutti;
  • Dopo aver stirato gli indumenti, prima di riporli, aspetta che siano completamente raffreddati.

Un commento su “Prodotti antitarme: quali comprare e come usarli

  1. Poppea
    16 novembre 2012

    Io aspetto sempre prima di riporre gli indumenti stirati, l’antitarme lo uso ma poca roba solo quando metto via le coperte nel ripostiglio.

    non sapevo fosse tossica per i gatti devo dirlo a mia madre, anche se pure lei ne fa’ un uso moderatissimo

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: