Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Destinatario sconosciuto

di Kressmann Taylor

BUR – Pagg. 71 – € 6,00

Destinatario sconosciuto - € 3,00

Trama: Novembre 1932. L’ebreo Max Eisenstein e il tedesco Martin Schulse, soci in affari a San Francisco e amici fraterni, si separano. Martin torna in Germania con moglie e figli e tra i due comincia uno scambio di lettere su cui si stende ben presto l’ombra nera della storia: nel 1933 Hitler prende il potere e Martin si lascia sedurre dall’ideologia nazista.

Martin non cambia atteggiamento nemmeno quando Max, disperato, gli raccomanda di vegliare sulla sorella Griselle, un’attrice austriaca che è stata amante di Martin e che, nonostante gli avvertimenti ricevuti, ha voluto ugualmente recitare a Berlino. E proprio questo comportamento porterà a un simbolico rovesciamento dei ruoli e ad una raffinata vendetta.

Letto da: Paolo

Opinione personale: Un libro acquistato d’istinto e letto d’un fiato. Piccoli numeri e grandi risultati. 1 autore. 2 personaggi. 71 pagine. 9 millimetri di spessore. 1933, l’anno in cui si svolge. 1938, l’anno in cui è stato scritto.

1938. Hitler era al potere dal 1933 e 5 anni erano stati sufficienti per capire molte cose, in merito alla questione ebraica ed alla guerra che sarebbe scoppiata l’anno successivo, ma questo libro, con poche pagine che racchiudono tutto, l’amicizia, l’odio, il fanatismo, il sospetto, la morte, predice di fatto quello che vivrà l’Europa negli anni a venire.

Una lettura che cattura ed intristisce, è terribile vedere un uomo abbruttire seguendo un fanatismo che non racchiude valori, ma solo odio e morte, sino ad arrivare alla negazione dell’amicizia, dell’amore, della pietà umana.

Ed arrivare all’ultima pagina che racchiude l’orrore alla base di tutto, che  strappa un sorriso, seppur amaro, di soddisfazione.

E’ solo vendetta? Per me racchiude anche la giustizia. In ogni caso conferma che chi semina vento, raccoglie tempesta. Peccato che non succeda più spesso, magari prima che questi ignoranti portatori d’odio, procedano su una strada lastricata di vittime innocenti.

Un piccolo libro di grande intensità. Consigliato e lo consiglierei anche per una lettura scolastica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10 febbraio 2014 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni con tag , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: