Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Fiat e Bmw in difficoltà sui nuovi limiti alla CO2?

di Maurizio Caprino

Vi ricordate quando la Fiat salvò la Chrysler?

Si disse che gli italiani avrebbero potuto portare negli Usa le loro tecnologie per rendere pulite e sobrie le vetture americane, spazzando via i loro motori obsoleti.

Sono passati cinque anni e quella tesi ora vacilla anche agli occhi di chi all’epoca ci aveva creduto.

Non solo perché all’epoca si pensava che il Multiair Fiat avrebbe vinto clamorosamente su tutti i propulsori della concorrenza, mentre oggi sappiamo che in giro c’è di meglio (anche se con l’entrata a regime degli standard antinquinamento Euro 6 il Multiair potrà riguadagnare terreno).

Il punto è che uno studio condotto a livello europeo vede la Fiat, assieme alla Bmw, come il costruttore più in difficoltà per rispettare i limiti alle emissioni di CO2 imposti dalla Ue per il 2021.

Il motivo principale dovrebbe stare nel fatto che la Fiat non ha puntato su ibride ed elettriche. Non tanto perché scettica sulle loro potenzialità (che pure non sono mirabolanti quanto qualcuno fa credere), quanto perché a corto di risorse per svilupparle come si deve, sopportandone costi e rischi d’insuccesso.

Tanto che Sergio Marchionne ha ammesso che la 500 elettrica è stata fatta solo per poterla vendere anche nella severissima California ed è una questione d’immagine, perché questo modello viene prodotto in perdita.

Potrete obiettare che anche la Bmw viene data in difficoltà nonostante si sia buttata addirittura sull’elettrico puro (con la i3 e la i8), oltretutto con avanzatissimi e leggerissimi telai di carbonio.

Però non deve sfuggire il fatto che i maggiori volumi di vendita la Bmw continuerà a realizzarli con i modelli spinti da motori tradizionali e la Ue per determinare le sanzioni a chi non rispetta i limiti tiene conto proprio del numero di esemplari effettivamente venduti per i modelli che vanno oltre la soglia.

Ps: grazie a Paolo giachetti per la segnalazione sullo studio europeo.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29 maggio 2014 da in Ambiente & Ecologia, Il mondo dell'automobile (e non solo), Leggo & Pubblico con tag , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: